Discipline - biennio

Prassi esecutive e repertori, Violoncello barocco

Disciplina attiva nei corsi seguenti:
Tipologia: Caratterizzanti
Modalità didattica: LI - Lezione individuale
Primo anno: 32 ore di lezione, 493 ore di studio, 525 ore totali; modalità di verifica: esame
Secondo anno: 32 ore di lezione, 493 ore di studio, 525 ore totali; modalità di verifica: esame

PROGRAMMI (clicca per aprirne il dettaglio)
Anno accademico: corrente
Modalità di lezione: frontale
Lingua di insegnamento: italiano
CONTENUTI DEL CORSO

Sia per chi proviene da un percorso moderno che barocco si approfondiranno i temi della impostazione e delle montature storiche del violoncello, delle accordature antiche (Galli, Gabrielli), dei principali temperamenti e diapason storici.
Tenuta dello strumento e controllo posturale ed emozionale, le diverse impugnature della mano destra, espressione e articolazione dell’arco e sua evoluzione, tecnica storica della mano sinistra come dai metodi di Corrette, Lanzetti, etc.
Durante il percorso si analizzerà il ruolo della retorica settecentesca per meglio comprendere la prassi esecutiva e l’evoluzione del linguaggio.
Si approfondiranno in particolare la realizzazione dei recitativi, diminuzioni, abbellimenti e improvvisazioni di cadenze, utilizzando il più possibile edizioni fac-simile, manoscritti e prime edizioni, per comprendere al meglio le notazioni storiche.
In presenza di un fortepiano e in base all’interesse e alle capacità tecniche dello studente si potrà affrontare anche il repertorio cameristico fino a Beethoven e Schubert

METODI E CRITERI DI ACCERTAMENTO DEL PROFITTO

Esame prima annualità

  • esecuzione di una Suite di Bach (I-III)
  • un brano per violoncello solo (escluso Bach) (Graziani, Dall’Abaco, Duport, Servais ecc.)
  • una Sonata per violoncello e continuo del barocco Italiano o francese
  • esecuzione di un’aria con violoncello obbligato (Bach, Caldara, Handel, Vivaldi)

Esame seconda annualità

  • esecuzione di una Suite di Bach (III-VI)
  • un brano per violoncello solo (escluso Bach) (Graziani, Duport, Servais, Dall’Abaco ecc.)
  • un Concerto per violoncello e orchestra di Haydn, Boccherini o C.P.E.Bach con cadenze
  • una Sonata per violoncello e continuo dal repertorio barocco o di transizione, con uso del capotasto e diminuzioni, o una Sonata per violoncello e strumento a tastiera fino al 1830, o un brano dal repertorio cameristico dello stesso periodo