Conservatorio Maderna Cesena

Docenti

  • All
  • Archi e corde
  • Canto e teatro musicale
  • Musica antica
  • Musica d'insieme
  • Musicologia e didattica
  • Nuove tecnologie e linguaggi musicali
  • Strumenti a fiato
  • Strumenti a tastiera e a percussione
  • Teoria, analisi e composizione
  • Giuseppe Albanese
    Giuseppe Albanese
    Pianoforte
  • Alfonso Antoniozzi
    Alfonso Antoniozzi
    Arte scenica
  • Olga Arzilli
    Olga Arzilli
    Musica d'insieme archi - Viola
  • Luigi Attademo
    Luigi Attademo
    Chitarra
  • Giorgio Babbini
    Giorgio Babbini
    Musica d'insieme fiati
  • Fabrizio Basciano
    Fabrizio Basciano
    Storia della musica Jazz
  • Guido Barbieri
    Guido Barbieri
    Storia della musica
  • Stefania Betti
    Stefania Betti
    Arpa
  • Alda Caiello
    Alda Caiello
    Canto
  • Antonio Cavicchi
    Antonio Cavicchi
    Chitarra jazz
  • Paolo Chiavacci
    Paolo Chiavacci
    Musica da camera
  • Elisabetta Colace
    Elisabetta Colace
    Tecniche di consapevolezza ed espressione corporea
  • Andrea Conti
    Andrea Conti
    Trombone
  • Luca Cori
    Luca Cori
    Composizione
  • Caterina Criscione
    Caterina Criscione
    Teoria, ritmica e percezione musicale
  • Raffaele Damen
    Raffaele Damen
    Fisarmonica
  • Filomena De Pasquale
    Filomena De Pasquale
    Flauto
  • Mariano Di Nunzio
    Mariano Di Nunzio
    Tromba jazz
  • Valeria Esposito
    Valeria Esposito
    Canto
  • Annamaria Federici
    Annamaria Federici
    Composizione musicale elettroacustica
  • Vittorio Ferrari
    Vittorio Ferrari
    Corno
  • Davide Franceschetti
    Davide Franceschetti
    Pianoforte
  • Michele Francesconi
    Michele Francesconi
    Pianoforte jazz
  • Gabriele Leonardo Gamba
    Gabriele Leonardo Gamba
    Bibliografia e biblioteconomia musicale
  • Maria Cristina Garagnani
    Maria Cristina Garagnani
    Poesia per musica e drammaturgia musicale
  • Giuseppe Garberoli
    Giuseppe Garberoli
    Accompagnamento pianistico
  • Paolo Geminiani
    Paolo Geminiani
    Teoria dell'armonia e analisi
  • Giulia Genini
    Giulia Genini
    Flauto dolce e Fagotto barocco
  • Gabriele Giampaoletti
    Gabriele Giampaoletti
    Saxofono
  • Giancarlo Giannini
    Giancarlo Giannini
    Trombone jazz
  • Luca Giardini
    Luca Giardini
    Violino barocco
  • Lucio Gregoretti
    Lucio Gregoretti
    Composizione per la musica applicata alle immagini
  • Felicia Gregorio
    Felicia Gregorio
    Pratica e lettura pianistica
  • Marsida Koni
    Marsida Koni
    Pianoforte
  • Marco Laganà
    Marco Laganà
    Pratica e lettura pianistica
  • Marco Lugaresi
    Marco Lugaresi
    Fagotto
  • Paolo Manetti
    Paolo Manetti
    Esercitazioni orchestrali
  • Alessandra Mazzanti
    Alessandra Mazzanti
    Pratica organistica e canto gregoriano
  • Gabriele Mirabassi
    Gabriele Mirabassi
    Clarinetto jazz
  • Enrico Orlando
    Enrico Orlando
    Violino
  • Chiara Pancaldi
    Chiara Pancaldi
    Canto Jazz
  • Filippo Pantieri
    Filippo Pantieri
    Clavicembalo e tastiere storiche - Basso continuo
  • Roberta Pari
    Roberta Pari
    Organo e composizione organistica
  • Michele Pasotti
    Michele Pasotti
    Liuto - Tiorba
  • Monica Piccinini
    Monica Piccinini
    Canto rinascimentale e barocco
  • Gianfranco Placci
    Gianfranco Placci
    Esercitazioni corali
  • Eleonora Poletti
    Eleonora Poletti
    Violino
  • Marco Postacchini
    Marco Postacchini
    Composizione jazz
  • Gabriele Raspanti
    Gabriele Raspanti
    Musica d'insieme archi - Musica d'insieme per voci e strumenti antichi
  • Daniele Sabatani
    Daniele Sabatani
    Strumenti a percussione
  • Luca Santaniello
    Luca Santaniello
    Batteria e percussioni jazz
  • Michele Santi
    Michele Santi
    Tromba rinascimentale e barocca
  • Andrea Santini
    Andrea Santini
    Saxofono - Teoria ritmica e percezione musicale
  • Claudio Scannavini
    Claudio Scannavini
    Composizione
  • Giovanni Scapecchi
    Giovanni Scapecchi
    Lettura della partitura
  • Sebastiano Severi
    Sebastiano Severi
    Violoncello barocco
  • Francesco Spendolini
    Francesco Spendolini
    Clarinetto storico
  • Marco Tampieri
    Marco Tampieri
    Tromba
  • Vincenzo Taroni
    Vincenzo Taroni
    Violoncello
  • Massimiliano Tonelli
    Massimiliano Tonelli
    Acustica Musicale
  • Giovanni Valgimigli
    Giovanni Valgimigli
    Contrabbasso - Violone
  • Michele Vannelli
    Michele Vannelli
    Direzione di coro e composizione corale
  • Emiliano Vernizzi
    Emiliano Vernizzi
    Saxofono Jazz
  • Stefano Vezzani
    Stefano Vezzani
    Oboe barocco
  • Piero Vincenti
    Piero Vincenti
    Clarinetto
  • Carlomoreno Volpini
    Carlomoreno Volpini
    Teoria ritmica e percezione musicale
  • Angela Lay Williams
    Angela Lay Williams
    Inglese
  • Roberto Zanata
    Roberto Zanata
    Elettroacustica
  • Pia Zanca
    Pia Zanca
    Accompagnamento pianistico
  • Barbara Zanchi
    Barbara Zanchi
    Psicologia musicale
Giuseppe Albanese
Pianoforte

albanesepianist@gmail.com

 

Alfonso Antoniozzi
Arte scenica

a.antoniozzi@conservatoriomaderna.it

Il baritono e regista Alfonso Antoniozzi nasce a Viterbo e, dopo il conseguimento degli studi classici, studia canto a Roma con il celebre baritono Sesto Bruscantini. Nel 1986 la sua interpretazione del ruolo di Don Bartolo nel Barbiere rossiniano a Genova segna per l’artista l’inizio di un intensa collaborazione con le maggiori realta’ musicali italiane e straniere, come il Teatro alla Scala di Milano, il Berliner Staatsoper, il Metropolitan di New York, il Capitole di Toulouse, l’Accademia di Santa Cecilia, il Wiener Staatsoper, la San Francisco Opera, l’Opera di Parigi, il ConcertGebouw di Amsterdam, il Festival di Glyndebourne, il Covent Garden di Londra. Il repertorio di Antoniozzi comprende ormai tutti i grandi titoli d’opera buffa rossiniana e donizettiana, insieme a capisaldi del genere come Falstaff di Giuseppe Verdi e Gianni Schicchi di Giacomo Puccini, e alla trilogia Mozart-Da Ponte. L’artista, che il Corriere della Sera considera “il miglior baritono buffo italiano”, ha affiancato al suo repertorio alcune felicissime incursioni nell’opera contemporanea e nel repertorio drammatico (Candide di Leonard Bernstein a Santa Cecilia con Jeffrey Tate, Death in Venice di Benjamin Britten a Genova e Firenze con Bruno Bartoletti, Il Cappello di Paglia di Firenze alla Scala e a Torino con Bruno Campanella) e i quattro ruoli di “vilain” nei Contes d’Hoffmann a Palermo e Roma. Tra le sue interpretazioni ricordiamo almeno Il Turco in Italia (Don Geronio) e Il Barbiere di Siviglia (Don Bartolo) alla Scala con Riccardo Chailly, La Forza del Destino (Fra’ Melitone) a Santa Cecilia con Valerj Gergiev e alla Scala con Riccardo Muti, Il Barbiere di Siviglia al Metropolitan di New York con Bruno Campanella e all’Arena di Verona con Claudio Scimone, Il Viaggio a Reims (Don Profondo) a Genova per la regia di Dario Fo, Les Mamelles de

Tiresias di Poulenc che ha inaugurato l’edizione 2005 del Macerata Festival, dove due anni dopo darà vita alla prima esecuzione mondiale de “Il Servo” di Marco Tutino con la regia di Gabriele Lavia. Nelle ultime stagioni ha interpretato Don Pasquale e L’Elisir d’Amore all’Opernhaus di Zurigo, Il barbiere di Siviglia allo Staatsoper di Amburgo, L’Elisir d’Amore alla Staatsoper di Berlino e a Beijing, Tosca (Scarpia) a Trento e Rovigo, Napoli milionaria di Nino Rota al Festival della Valle d’Itria e al Lirico di Cagliari, Matilde di Shabran al Covent Garden di Londra, Adriana Lecouvreur al Teatro Regio di Torino, Così fan tutte e Don Giovanni al Teatro Filarmonico di Verona e al Teatro Valli di Reggio Emilia, La Cenerentola e Don Pasquale al Teatro Carlo Felice di Genova, Così fan tutte al Festival di Glyndebourne, Falstaff al Teatro Regio di Torino, La Cenerentola all’Opéra de Montpellier e al Liceu di Barcelona, L’italiana in Algeri all’Opernhaus di Zurigo, Il barbiere di Siviglia ad Amburgo, Il Marito Disperato di Cimarosa con la regia di Paolo Rossi al Teatro San Carlo di Napoli (in tournée a Hong Kong nel 2013) a L’Elisir d’Amore allo Staatsoper di Berlino, Gianni Schicchi al Teatro Lirico di Cagliari, Il Campanello di Donizetti al Teatro San Carlo, e Il Barbiere di Siviglia al Comunale di Treviso, a Ferrara e a Berlino, e la prima nazionale di Divorzio all’Italiana di Bontempelli al Comunale di Bologna. Nel 2019 fa parte del cast dell’inaugurazione della stagione scaligera interpretando il ruolo del Sacrestano nella Tosca diretta da Riccardo Chailly.Dal 2008 affianca alla sua attività di cantante lirico quella di regista: dopo il debutto nel Barbiere Rossiniano al Tuscia Opera Festival viene scritturato dal Teatro Comunale di Bologna per una nuova produzione di Don Pasquale. Sempre al Teatro Comunale, ottiene uno straordinario successo con la regia di Traviata, riproposta nello stesso teatro nel 2012, allestimento che ha anche inaugurato la stagione 2011 del Teatro Lirico di Cagliari e riproposto in Giappone, alla Nikikai Opera Foundation, nel 2013. Ha inoltre firmato la regia per due nuove produzioni del Festival della Valle d’Itria: Der Diktator e Il

Tribuno. Sempre nel 2013 ha curato il nuovo allestimento di “Nozze di Figaro” per il Colòn di Buenos Aires. Nel 2015 parte il progetto “Tre Regine per una scena”, coprodotto dal Carlo Felice di Genova, dal Regio di Parma e dalla Fenice di Venezia, con la regia di Roberto Devereux per il Carlo Felice (disponibile in DVD presso Dynamics), cui faranno seguito Anna Bolena che inaugurerà la stagione del Regio nel 2016 e Maria Stuarda nel 2017. Sempre nel 2017 inaugura il Festival della Valle D’Itria con la prima assoluta in tempi moderni de La Grotta di Trofonio di Paisiello (ripreso al Teatro di Corte di Palazzo Reale per il San Carlo in ottobre) e firma un nuovo allestimento di Turco in Italia per il circuito di Opera Lombardia. Nel 2018 allestisce un nuovo Barbiere di Siviglia per l’opera di Astana e inaugura la stagione del Carlo Felice di Genova con un nuovo allestimento di Aida. Antoniozzi ha inciso per TelArc, EMI, la defunta casa discografica Ricordi, Actes Sud, ARTS, Kikko Records e Opera Rara, e con il Teatro alla Scala ha collaborato alle riprese televisive de Il Turco in Italia, Il Barbiere di Siviglia e Il Cappello di Paglia di Firenze. In DVD sono disponibili Il Barbiere di Siviglia dal Teatro Regio di Parma e La Cenerentola dal Teatro Carlo Felice di Genova (TDK), Adriana Lecouvreur dal Teatro Regio di Torino, Un Giorno di Regno dal Teatro Regio di Parma, Napoli Milionaria (prima incisione mondiale) dal Festival di Martina Franca. Nel 2011 scrive e interpreta, insieme a Davide Livermore e Corrado Rollin, W Verdi, Giuseppe, documentario sull’Opera come linguaggio fondante del Risorgimento prodotto e distribuito dalla Radiotelevisione Svizzera Italiana e dal gruppo La Stampa per il centocinquantenario dell’Unità d’Italia. Insegna interpretazione vocale presso le scuole di alta formazione dell’As.Li.Co e del Maggio Musicale Fiorentino. E’ docente di Arte Scenica presso il Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena e presso il Conservatorio “A. Scontrino” di Trapani, e professore ospite presso la facoltà di MusikTheater dell’Università di Graz.

RAITRE/RAITRADE ha girato un profilo biografico dell’artista.

Olga Arzilli
Musica d'insieme archi - Viola

arzilliolga@gmail.com

Olga Arzilli ha studiato con Piero Farulli alla Scuola di Musica di Fiesole, dove ha frequentato anche i corsi di qualificazione professionale per orchestra e i corsi speciali per duo. Si è diplomata presso il Conservatorio a Firenze con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore. Successivamente ha seguito i corsi di perfezionamento di quartetto e di viola tenuti da Piero Farulli e Yuri Bashmet all’Accademia Chigiana di Siena, conseguendo il diploma d’onore. Ha vinto il Concorso per Duo “Città di Vittorio Veneto” e il Max Rostal Competition di Berna. Nel 1993 è risultata finalista al Concorso ARD di Monaco di Baviera. Vincitrice del Concorso per prima Viola al Teatro Comunale di Firenze e al Teatro alla Scala di Milano, dopo una stagione al teatro milanese si è dedicata all’insegnamento e all’attività concertistica. E’ stata viola del Quartetto Sandro Materassi con il quale si è esibita nelle più importanti sale italiane. Ha suonato come solista con l’Orchestra Giovanile Italiana, con l’Orchestra della Comunità Europea, con la Wienerkammerorchester e con i Cameristi del Teatro alla Scala, dirette da P. Bellugi (Sinfonia Concertante di Mozart) e S. Accardo (Concerto di Bartòk). E’ titolare del corso di Quartetto di I° e II° livello presso il Conservatorio di Cesena.

Luigi Attademo
Chitarra

l.attademo@conservatoriomaderna.it

Considerato come uno dei più importanti chitarristi della sua generazione, Luigi Attademo inizia la sua parabola artistica laurendosi terzo al “Concours International d’Exécution Musicale” di Ginevra del 1995. Dopo aver iniziato lo studio della chitarra con il M° Pino Racioppi a Laino Borgo (CS), si forma nella scuola del chitarrista-compositore Angelo Gilardino, e conta successivamente tra i suoi maestri Giovanni Guanti, Julius Kalmar, Alessandro Solbiati, Emilia Fadini. Ha registrato 15 CD, tra cui monografie dedicate alle Sonate di Domenico Scarlatti, a J. S. Bach, alle opere inedite dell’Archivio Segovia e ai Quintetti di Luigi Boccherini. Laureato in Filosofia con una tesi sull’interpretazione musicale, ha pubblicato diversi articoli di stampo musicologico ed estetico, collaborando con diverse riviste specializzate. Come musicologo, nell’ottobre del 2002 ha curato la catalogazione dei manoscritti segoviani, (pubblicato sulla rivista La Roseta della Sociedad Española de la Guitarra) rinvenendo opere sconosciute di autori come Tansman, Pahissa, Cassadò. Dedica la gran parte della sua attività alla musica da camera e a progetti monografici, tra cui la registrazione integrale delle Suites per liuto di Bach (Brilliant Classics, 2011) e l’integrale delle opere di Niccolò Paganini per chitarra sola per la prima volta suonate integralmente su una chitarra storica (Brilliant, 2013). Nel 2014 la rivista Amadeus gli ha dedicato un numero con la pubblicazione di un CD monografico su Fernando Sor. Tra i suoi recenti progetti, la realizzazione de El Cimarron di H.W. Henze e il duo con il violista Simone Gramaglia. Del 2016 è il nuovo lavoro discografico “19th century music” realizzato con strumenti originali dell’Ottocento.  Nel 2016 Ha tenuto a battesimo prima a Losanna e poi a Kiev il nuovo lavoro di Alessandro Solbiati, il Concerto per chitarra e quindici strumenti, a lui dedicato. Come solista ha suonato in tutte le più importanti capitali europee, e recentemente in paesi come India, Corea, Ukraina, USA. Nel 2017 ha curato per il Museo del Violino di Cremona una esposizione dedicata al grande liutaio Antonio Torres, suonando in concerto diversi strumenti originali di questo autore. Nel 2018 pubblica il CD “A Spanish portrait” per Brilliant dedicato alla musica spagnola e suonato su uno strumento originale di Torres, ottenendo unanimi consensi da parte della critica (Disco del mese Amadeus e DotGuitar) e per il quale la rivista Seicorde gli ha dedicato la copertina. Nel 2020 è stato invitato a  partecipare come solista e giurato al Festival della Guitar Foundation of America ed è stato invitato come didatta in istituzioni quali la Royal Academy of Music di Londra, la Sibelius Academy di Helsinki, la Haute Ecole de Musique di Ginevra etc. . Gli ultimi suoi progetti discografici entrambi pubblicati dalla  Da Vinci Publishing sono rispettivamente dedicati a una rilettura delle Sonate di Domenico Scarlatti e al centenario di Astor Piazzolla, con un programma di inedite trascrizioni e nove nuove composizioni a lui dedicate. E’ attualmente titolare della cattedra di chitarra al Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena.

 

Award-winning in several national and international competitions, among the others the “Concours International d’Exécution Musicale (CIEM)” in Geneva (1995), Luigi Attademo began his studies in his village in South of Italy with Giuseppe Racioppi, and continued under the guide of the guitarist-composer Angelo Gilardino. Among his teachers, Julius Kalmar (conduction), composers as Giovanni Guanti,  Alessandro Solbiati, and the harpsichord player Emilia Fadini (Baroque music). Doctorate in Philosophy with a dissertation on the musical interpretation, he published a book about this subject. He has been contributor to several specialized magazines. He worked in the Archive of the Andrés Segovia’s Foundation (Linares-Spain), to catalogue its manuscripts (catalogue published on the Spanish musicological magazine “The Roseta”), and he discovered there some unknown manuscripts of important composers, such as Jaume Pahissa, Alexandre Tansman, Gaspar Cassadò and others, after published in the Segovia Archive Collection  by Berben Edition. He gave concerts in Europe,  Australia,  Argentina, USA, India and Korea as soloist as well in chamber music. He recorded several CDs, from Baroque music to contemporary music, among the others, a double cd dedicated to Bach music for lute (2011) and the complete works for guitar solo by Niccolò Paganini (2013), on an historical guitar by Guadagnini (1851). In the 2007, the American magazine “Guitar Review” dedicated him an interview and a CD with his recent recordings.
In 2014 the Italian magazine Amadeus dedicated him the cover and published his CD on Fernando Sor Masterworks, played on original French instrument (Lacôte, 1830). During these years he started to play  with the violist Simone Gramaglia (viola of the Quartetto di Cremona) and he published with him a new CD dedicated to Paganini music for guitar and viola (Brilliant, 2015). In that year he realized another project – with the support by the Ernst Von Siemens Foundation – dedicated to Hans Werner Henze music and his masterwork El Cimarrón. In 2016 he was the first performer of the Alessando Solbiati’s new work for guitar and 15 instruments, that he recorded  in 2018 . In the same year he has released a new Cd devoted to 19th century repertoire played on original instruments, using six different historical guitars. In 2017 he worked to a project dedicated to Antonio Torres, and he is giving many concerts playing original guitars by Torres. He is also the curator of the Exhibition dedicated to Torres by the Museo del Violino in Cremona.  After he published a new CD,  A Spanish portrait, performed on an original Torres from 1888, very appreciate by the critics and for which the Italian magazine Seicorde devoted him the issue of October 2018. Last two CDs, both published by Da Vinci classics, are dedicated to Scarlatti’s Sonatas and Astor Piazzolla centenary celebration. He teaches at State Conservatory of Cesena (Italy). He was invited as expert at the Geneva and Lausanne Conservatories, and from 2010, he was regularly invited to give lecture/recitals at Royal Academy of Music of London. He has been also juror in many international competitions (Pittaluga Competition, Mottola, GFA…).

Giorgio Babbini
Musica d'insieme fiati

giorgiobabbini2@gmail.com

Diplomato in Clarinetto col massimo dei voti, in Strumentazione per banda, Composizione e Direzione di Coro, da anni svolge con versatilità l’attività di clarinettista, compositore-arrangiatore e direttore d’orchestra collaborando in varie formazioni (jazzistiche, sinfoniche e cameristiche) per Teatri (Manzoni di Bologna, Fenice di Venezia, Regio di Parma, ecc.), Festival (Macerata, Spoleto, Ravenna, ecc.), programmi radio-televisivi (Rai, Radio Svizzera Italiana) e in Streaming. Ha condiviso e condividerà il palco con musicisti quali Stefano Bollani, Gabriele Mirabassi, Simone Zanchini, Cheryl Porter, Fabio Petretti, Paolo Ghetti, Andrea Tofanelli, ha inoltre partecipato alla produzione di vari progetti musicali e discografici per diversi gruppi e musicisti, sia come esecutore che, soprattutto, come arrangiatore e compositore. È autore di opere didattiche e composizioni edite dalla College Music, dalla Ricordi e dalla Limen Music and Arts. Nel 2009, su richiesta del Conservatorio di Cesena, ha composto musiche per la realizzazione teatrale di una Fiaba musicale avente lo scopo di far conoscere gli strumenti musicali ai bambini. Nell’aprile del 2010 si è laureato con lode sotto la guida di Corrado Giuffredi, presentando una tesi su Henghel Gualdi con cui ha in seguito pubblicato il libro Henghel, un angelo del clarinetto, edito dall’Accademia Nazionale del Clarinetto. Nella stagione 2012/13 del Teatro alla Scala è in cartellone una sua composizione originale in prima assoluta (25 marzo) e, nella prossima edizione del Ravenna Festival che si terrà il prossimo giugno, è in programma una serata musicale in cui dirigerà l’orchestra giovanile Cherubini nell’esecuzione di suoi arrangiamenti. Dal 1995 è docente di Musica d’insieme presso il Conservatorio di Cesena.

Fabrizio Basciano
Storia della musica Jazz

fabriziobasciano@hotmail.com

Dopo gli studi classici mi laureo in Musicologia e beni musicali presso l’Università La Sapienza di Roma. Contemporaneamente studio composizione al Saint Louis College of Music (col M° Ferdinando Nazzaro) e al Conservatorio Santa Cecilia (coi Maestri Matteo D’Amico e Antonio Di Pofi). Agli studi musicologici e compositivi affianco quelli di musica elettronica e storia del jazz, discipline studiate presso il Saint Louis College of Music rispettivamente col M° Luca Spagnoletti e il giornalista e scrittore Adriano Mazzoletti. Tra il 2011 e il 2013 insegno in diversi Corsi Nazionali di Formazione e Perfezionamento Musicale erogati da AMA Calabria e patrocinati dal Miur, tra cui Musica per Film e Musica elettronica & Hard disk recording. A queste docenze, e sempre per AMA Calabria, affianco quella di Elettronica in Musica interna al POR FSE CALABRIA 2007/2013. Mi abilito all’insegnamento di A030 – Musica nella Scuola Secondaria di Primo Grado col TFA II Ciclo (voto 98/100) presso il Conservatorio Statale di Musica “F. Torrefranca” di Vibo Valentia e conseguo successivamente la titolarità della cattedra di Musica nella Scuola Secondaria di Primo Grado risultando vincitore in luogo del Concorso a cattedra 2016, regione Toscana. Dopo avervi a lungo ricoperto il ruolo di tenore II, nel 2011 e in qualità di direttore vinco col Coro Symphonia Istituto Musicale “S. Guzzi” di Lamezia Terme il 2° premio al 1° Concorso Nazionale Corale di AMA Calabria. All’attività corale affianco quella discografica, con diverse pubblicazioni all’attivo, tra cui: “8 pezzi brevi” (2013); “Le 7 perle di Belzebù”, opera elettroacustica liberamente tratta dal libro “I Racconti di Belzebù a suo nipote” di G.I.Gurdjieff (ed. Nostress Netlabel, 2014); “Klar” (2014), i cui brani hanno ricevuto l’aiuto tecnico e la supervisione di Franco Battiato. Dal 2014 scrivo, in qualità di musicologo e critico musicale, per Il Fatto Quotidiano (cartaceo e online), e dal 2016 collaboro col Teatro dell’Opera di Firenze e il Festival della Valle d’Itria, pubblicando per loro saggi musicologici su autori e opere vari. Sono poi autore dei libri Battiato ’70, tra popular music e avanguardie colte (Edizioni Crac, 2015) e La Bottega dei Falsautori, il grande bluff della musica pop (Edizioni Arcana, 2018), quest’ultimo con la presentazione di Marco Travaglio e la prefazione di Elvidio Surian. Dal 2017 sono editore del periodico online EurekArte, magazine di divulgazione scientifico-artistica, e sempre dal 2017 collaboro con la rivista bilingue Estro Lifestyle Magazine, per la quale realizzo interviste ad artisti di fama mondiale (tra gli altri Roberto Bolle, Willem Dafoe e Stefano Bollani). Nel mese di ottobre del 2019 ricevo dall’editore Rugginenti di Milano due distinte commissioni per una Storia della popular music (jazz, pop, rock) che integrerà l’imminente nuova edizione del IV Tomo del Manuale di Storia della Musica di Elvidio Surian e, in forma sintetica, l’inedita edizione compatta di tutti e quattro i tomi del medesimo manuale. Di prossima uscita è anche il volume Nulla sarà come prima, collettanea edita dall’editore Guida e contenente al suo interno il mio saggio dal titolo La canzone con la mano tesa. Sono attualmente docente di Storia della musica presso il Liceo Musicale “G.V. Gravina” di Crotone. Sono inoltre docente a contratto di Storia della popular music e Storia del jazz presso il Conservatorio di Musica “P.I. Tchaikovsky” di Nocera Terinese (CZ) e il Conservatorio di Musica “B. Maderna” di Cesena.

Guido Barbieri
Storia della musica

g.barbieri@conservatoriomaderna.it

Stefania Betti
Arpa

stefania.bettj@gmail.com

Si è diplomata in arpa con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Pesaro, sotto la guida di B. M. Monteverde. Vincitrice di vari concorsi solistici – Santa Margherita Ligure cat. junior e senior, Cesena – e in duo con il flauto – Stresa, Capri, Ostuni, Cento. Svolge attività concertistica da solista e in varie formazioni cameristiche. Collabora con orchestre lirico-sinfoniche: Scala di Milano, Orchestra da camera di Bologna, Comunale di Firenze, Orchestra Filarmonica Marchigiana, Orchestra Sinfonica di Pesaro. Ha registrato per la RAI, Radio Vaticana, televisioni e radio private. Ha eseguito brani in prima assoluta di musica contemporanea di affermati compositori: S. Bussotti, A. Samorì, R. Grisoni, W. Rihm, F.M. Caramazza, collaborando anche con l’Ensemble ‘900 di Pescara e FontanaMix di Bologna. Promuove progetti di ricerca in ambiti che coniugano la musica con la psicoterapia proponendo anche un nuovo modo di approccio alla musica con altre arti e in contesti non tradizionali. Si esibisce in formazioni che utilizzano l’arpa celtica nel repertorio delle tradizioni popolari e ha attivato un corso libero di arpa celtica presso il Conservatorio di Cesena. Vincitrice del Concorso a cattedre di arpa nel 1994, attualmente è docente presso il Conservatorio di Musica-Istituto di Alta Formazione di Cesena. Ha svolto attività didattica al Conservatorio di musica “Piccinini” di Bari e Monopoli. I suoi allievi si sono distinti in Concorsi Nazionali e Internazionali.

Alda Caiello
Canto

a.caiello@conservatoriomaderna.it

Antonio Cavicchi
Chitarra jazz

antoniocavicchi@gmail.com

Ha studiato chitarra e armonia presso l’INSJ di Parma e il CDM di Milano, in ambedue col M° F. DACCO’, dal 1977 al 1984. Durante questi anni oltre allo studio della tecnica strumentale, ha approfondito in particolare quello riguardante le applicazioni dell’armonia sullo strumento. Dal 1980 svolge attività sia didattica che concertistica. E’ stato collaboratore di Barney Kessel in due seminari tenuti da quest’ultimo nel 1984 e nel 1989. Ha tenuto concerti con Dizzy Gillespie, Mal Waldron, Charles Tolliver, Lee Konitz, Eliot Zigmund, Bob Movers, Harold Danko, ecc. Ha partecipato a diversi Jazz Festival tra i quali Comacchio, Bassano, Como, etc. Nel 1987 ha ricevuto il premio “A.Willaert” e nel 1994 il premio “’Miglior nuovo talento” come riconoscimenti all’attività sia didattica che concertistica svolta in questi anni. E’ stato docente di chitarra jazz (Biennio e Triennio-Jazz) presso il Conservatorio di Adria dal 2003 al 2010 e presso il Conservatorio di Ferrara dal 2006 al 2020. Attualmente la sua attività concertisica e di ricerca/studio si identifica in particolare con quella svolta con un Trio che comprende Ares Tavolazzi (contrabbasso) e Riccardo Biancoli (batteria), con il Duo con Bruno Cesselli (pianoforte) e con un Trio che comprende Mark Abrams (contrabbasso) e Riccardo Biancoli (batteria).

Paolo Chiavacci
Musica da camera

paolochiavaccios@gmail.com

Paolo Chiavacci è nato a Firenze; ha studiato violino al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze dove si è diplomato con il massimo dei voti. Suoi insegnanti sono stati Sandro Materassi per il violino e Franco Rossi per la musica da camera; ha poi studiato con R. Zanettovich, S. Gheorghiu e A. Stern. E’ stato allievo del Quartetto di Tokyo all’Università di Yale negli Stati Uniti e del Quartetto Borodin. E’ primo violino e membro fondatore del Quartetto Fonè; in questa formazione ha vinto nel 1989 il primo premio al Concorso internazionale “G.B. Viotti” di Vercelli; nel dicembre 91 ha ottenuto il secondo premio al Concorso internazionale per quartetto d’archi “D. Shostakovich” a San Pietroburgo e il premio speciale per la migliore esecuzione dei quartetti di Beeethoven e Sciostakovic; ha tenuto concerti per le maggiori istituzioni concertistiche in Italia (fra le altre Milano La Scala, e Società del Quartetto, Roma S. Cecilia e IUC, Venezia La Fenice, Ravenna Festival, Firenze Amici della Musica, Napoli “A. Scarlatti”) e all’estero: in Svizzera, Austria, Germania, Israele, Francia, Spagna, Grecia, Stati Uniti, Canada e Giappone. Ha effettuato registrazioni per la RAI, l’ORF e la Rete televisiva canadese; ha realizzato CD per la ARK e la Ermitage: fra questi il Quintetto di Schubert eseguito in collaborazione con Franco Rossi e il sestetto “Souvenir de Florence” di Tschaikovskij con Sadao Harada violoncellista del Quartetto di Tokyo e Harald Schoneweg violista del Quartetto Cherubini. E’ insegnante di musica da camera presso il Conservatorio “B. Maderna” di Cesena; ha tenuti corsi di perfezionamento in Italia e masterclasses in Giappone (Osaka, Tokyo, Fukuoka); è stato assistente del Quartetto di Tokyo all’Università di Yale in Connecticut (USA), dove il Quartetto Fonè è stato per quattro anni Quartet in Residence. Collabora con diverse orchestre in qualità di spalla e solista (Orchestra regionale toscana, Camerata strumentale di Prato, Orchestra Città di Ferrara, Orchestra Promusica Toscana, Orchestra Maderna di Forlì, Orchestra d’archi Italiana di Mario Brunello). Si esibisce regolarmente in duo con Piernarciso Masi; ha collaborato più volte con Mario Brunello, Andrea Lucchesini, Alexander Lonquich, Pietro De Maria, Enrico Dindo, Danilo Rossi, Dino Asciolla, Anthony Pay, Hans Joerg Schellenberger, Peter Lukas Graf, ed altri.

Elisabetta Colace
Tecniche di consapevolezza ed espressione corporea

colaceelisabetta@gmail.com

Andrea Conti
Trombone

andreaconti1967@gmail.com

Allievo dei professori Giulio Gabbiani e Giuseppe Mangione presso la Scuola di Musica “G. Verdi” di Prato si è diplomato nel 1985, all’età di 18 anni, come privatista presso l’Istituto Musicale “P. Mascagni” di Livorno. Successivamente ha studiato con Vinko Globokar presso la Scuola di Musica di Fiesole e con William Cramer, docente della Florida State University. Ha continuato questa esperienza con insegnanti americani sia con periodi di studio a Chicago sia con Masterclass in Italia, Svizzera e Germania, avendo modo di frequentare, tra gli altri, Arnold Jacobs, Edward Kleinhammer, Charles Vernon, Frank Crisafulli, Abbie Conant (frequentando la sua classe alla Musikhochschule di Trossingen), Rex Martin e Joseph Alessi. È vincitore di audizioni presso l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna “A. Toscanini”, l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, l’Orchestra Giovanile della Comunità Europea “E.C.Y.O.”, e di concorsi presso il Teatro San Carlo di Napoli (1° Trombone dal febbraio 1987 all’aprile 1988), il Teatro dell’Opera di Roma, il Teatro alla Scala di Milano, il Teatro Comunale di Firenze “Maggio Musicale Fiorentino” (1° Trombone dal 1988 al 1997), il Teatro dell’Opera di Monaco di Baviera “Bayerische Staatsoper” (1. Solo-Posaunist dal 1997 al 2003). Nell’Ottobre 2002 è risultato vincitore della selezione (Concorso ad invito) per Primo Trombone presso l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, posizione che occupa attualmente. Ha collaborato, sempre come 1° Trombone, con varie Istituzioni, fra le quali le Orchestre di Napoli e di Roma della RAI, l’Accademia di Santa Cecilia di Roma, il Teatro alla Scala, l’Orchestra della Radiotelevisione di Lipsia (Mittel Deutscher Rundfunk Sinfonie-Orchester), i “Solisti Veneti”, la “Mahler Chamber Orchestra”, l’Orchestra Filarmonica della Scala, la Israel Philharmonic Orchestra (dove è stato invitato come 1º Trombone nella Tournee Europea del 2001), l’Orchestra Filarmonica della Fondazione “Arturo Toscanini”, l’Orchestra della Comunità Valenziana (dove ha partecipato come Tromba Bassa alla Tetralogia Wagneriana del 2009 con Z. Mehta), l’Orchestra Mozart di Bologna, i Münchener Philharmoniker, lavorando con direttori quali C. Abbado, L. Maazel, M. W. Chung, C. M. Giulini, Z. Mehta, G. Pretre, R. Muti, S. Bychkov, C. Scimone, W. Sawallisch, G. Sinopoli, A. Pappano, E. P. Salonen, V. Gergiev, M. Tilson-Thomas, G. Dudamel, B. Haitink, D. Gatti, Y Temirkanov. Ha svolto attività cameristica con il gruppo “Armonia d’ottoni”, con il quintetto “Ottoni Fiorentini”, con il gruppo “Opera Brass” della Bayerische Staatsorchester e con i gruppi “Italian Brass Quintet” e “Italian Brass Ensemble”. Ha eseguito in diverse occasioni il Concerto per Trombone e Orchestra di Nino Rota (con l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna “Arturo Toscanini” diretta da Julian Kovatchev, con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta da Marco Zuccarini, con l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia diretta da Myung-Whun Chung, con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo diretta da Marc Tardue, con l’Orquestra Nacional do Porto diretta da Marzio Conti, con l’Orchestra da Camera di Perugia diretta da Nil Venditti). Nel 2002 è uscito sul mercato un CD, per l’etichetta inglese Chandos, con la registrazione dello stesso Concerto con I Virtuosi Italiani, sotto la direzione di Marzio Conti. È stato per 9 anni docente di Trombone e Basso Tuba presso la Scuola di Musica “G. Verdi” di Prato ed è stato invitato in importanti Teatri e Orchestre come “Commissario Esterno” per Audizioni e Concorsi. Ha tenuto Masterclass e Concerti per varie istituzioni, come l’Associazione EuroMusica di Asolo, l’Associazione Diapason di Cremona, l’Istituto Musicale “Baravalle” di Fossano, l’Associazione Ex allievi dell’Umberto I di Salerno, il Conservatorio Statale di Musica “A. Buzzolla” di Adria, il Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza, il Civico Istituto Musicale di Varese, il Conservatorio di musica di Ginevra, l’Associazione Mousikè di Martina Franca, l’Istituto Musicale Pareggiato “Giovanni Paisiello” di Taranto e l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Dal 1997 al 2003 è stato docente di Trombone e Basso Tuba, Musica da Camera per Ottoni e Sezione degli Ottoni in vari Corsi di Formazione Professionale della Fondazione “Arturo Toscanini” di Parma. È stato inoltre docente di Trombone per il Biennio Superiore al Conservatorio “Giovambattista Pergolesi” di Fermo e al Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena. Dall’Aprile 2008 è docente di Trombone presso la Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano. Nel 2015 ha ricevuto, per elezione, il premio Neill Humfeld dell’ITA (International Trombone Association) per le eccellenti qualità di insegnante.

Luca Cori
Composizione

l.cori@conservatoriomaderna.it

Caterina Criscione
Teoria, ritmica e percezione musicale

catcriscione@libero.it

Pianista diplomata con il massimo dei voti a Pesaro nella classe di Franco Scala. Ha suonato in numerose città italiane ed all’estero, effettuando anche registrazioni televisive e per Rai-RadioTre. Nella formazione di Duo Respighi (violino e pianoforte) ha vinto premi a concorsi internazionali e si è esibita in sedi prestigiose quali la Società dei Concerti di Milano, la Sala G. Enescu di Bucarest, la Salle Pleyel di Parigi ecc. Ha collaborato per 16 anni con l’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola anche come docente di lezioni, conversazioni, cicli concertistici, perfezionandosi con eccellenti risultati in Musica da Camera. Musicologa laureata con lode presso l’Università di Bologna, ha pubblicato i volumi Mascagni ritrovato (Casa Musicale Sonzogno 1995), Luigi Torchi. Un musicologo italiano tra Otto e Novecento (La Mandragora 1997), Musica in teoria (Mandragora 1999), oltre a centinaia di saggi e articoli per riviste specializzate di musica, “Piano Time”, Il Resto del Carlino, ecc. Ha ideato e curato per Il Museo Teatrale alla Scala mostre su P. Mascagni, U. Giordano e mostre per “Ravenna Festival”, Muenchner Philharmoniker, Opera di Bonn, Camera di Commercio di Milano, Carisbo di Bologna, Comuni di Bagnara e Cerignola. Si dedica con passione all’attività didattica con laboratori e corsi musicali rivolti ad allievi di ogni età, per le scuole primarie e secondarie, e come docente del Conservatorio “B. Maderna” di Cesena per le discipline di Teoria, Ritmica, Ear training, Semiografia della Musica, Storia del repertorio, dell’interpretazione e della didattica pianistica. E’ fondatrice delle associazioni Musica Viva e Top Music di Castel San Pietro Terme.

Raffaele Damen
Fisarmonica

raffaeledamen@gmail.com

“Un virtuoso della fisarmonica, sotto le sue dita anche le musiche più difficili sembrano facili. Molto, molto interessanti le trascrizioni per fisarmonica sola di brani classici per vari strumenti. Da apprezzare anche la sua ricerca e proiezione nel repertorio contemporaneo per fisarmonica.” (Marcello Appignani, Direttore EuroClassical)

“Se non si ascolta Raffaele Damen alle prese con la fisarmonica […] non si può lontanamente immaginare che cosa possa diventare tra le sue mani”. (Andrea Bedetti)
Raffaele Damen, giovanissimo intraprende lo studio
della fisarmonia sotto la guida del M°Paolo Vignani con il quale si è diplomato con il massimo dei voti e lode presso il Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro. Approfondisce successivamente gli studi alla Folkwang University di Essen in Germania con il M°Mie Miki, all’Accademia Italiana di Fisarmonica con il M°Claudio Jacomucci e al Conservatorio di S.Cecilia di Roma con il M°Massimiliano Pitocco.
É risultato vincitore di concorsi nazionali e internazionali tra cui: “Premio Civardi” Val Tidone, Stresa, PIF Castelfidardo, Luigi Nono, Premio Abbado, Piove di Sacco e altri.
Numerosi i festival nazionali e internazionali che lo hanno già ospitato, tra cui: Accademia Filarmonica Romana, Radio3 Suite, Istituto Italiano di cultura di Amsterdam e Parigi, “Accordéons-nous” di Mons, PIF Castelfidardo, Sarzana Opera Festival, Società Filarmonica di Trento, Amici della Musica di Treviso, NoMus, WunderKammer Orchestra. Le sue esecuzioni sono state trasmesse da Rai1, Sky, Tv8.
Collabora con l’orchestra Filarmonica Marchigiana FORM con la quale ha eseguito come solista il concerto “Fachwerk” di Sofia Gubajdulina diretto dal M°Daniele Rossi e, come orchestrale, per l’integrale delle sinfonie di G.Mahler dirette dal M°Manlio Benzi. Nel 2019, insieme alla pianista Roberta Pandolfi, ha ideato e inaugurato la stagione concertistica internazionale “Fossombrone Classica”. Sempre nello stesso anno, ha inciso per la casa discografica Stradivarius il disco “Find Him” con musiche di Danilo Comitini. Nel 2021 esce il suo primo disco solistico “Aion” per la casa discografica Da Vinci Publishing.
Nuove opere per fisarmonica vengono spesso a lui dedicate da compositori contemporanei come: Sonia Bo, Danilo Comitini, Mario Totaro, Paolo Giaro.
Il suo repertorio comprende opere di J.S.Bach fino alla musica contemporanea dei giorni d’oggi.
È docente di fisarmonica al Conservatorio “B. Maderna” di Cesena e al Liceo Scientifico Musicale “G. Marconi di Pesaro.

Filomena De Pasquale
Flauto

fidepas@gmail.com

Mariano Di Nunzio
Tromba jazz

marianodinunzio@virgilio.it

Di Nunzio Mariano nato a Napoli nel 1969 – Trombettista, compositore, arrangiatore e didatta Si diploma in tromba nel 1988 al Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli. Inizia la sua esperienza professionale con suo padre Luigi di Nunzio (trombettista, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra). Dal 1988 al 1990 partecipa in qualità di musicista a diversi lavori teatrali, collaborando con svariati attori, registi e musicisti partenopei tra cui Antonio Casagrande, Eugenio Bennato, Sergio Solli, Bruno Colella, Carlo Buccirosso , Maurizio Casagrande e altri.
Dal 1992-1994 partecipa alla trasmissione televisiva della R.A.I. ” Napoli prima e dopo ” con l’Orchestra stabile della canzone napoletana ” Giuseppe Anepeta ”
1992 Inizia la propria attività professionale in ambito jazzistico vincendo alcune borse di studio indette dalla CEE per i corsi di alta Qualificazione Professionale per musicisti di Jazz presso l’Associazione Siena Jazz “Accademia Nazionale del Jazz”. Ha preso parte nei più importanti festivals sul territorio nazionale tra i quali: Siena Jazz, Clusone jazz, Roccella jonica, Pescara jazz, Barga jazz, festival di jazz a Firenze e tanti altri. Ha suonato con musicisti italiani e stranieri: ( B. Tommaso, G. Gazzani, R. De Simone, P. Fresu, E. Rava, M. Tamburini, D. Caliri , M. Sannini, M. Raja, M .Grossi, P. Tonolo, D. Fusi, F. Castri, G. Trovesi, R. Migliardi, E. Fioravanti, G. Schiaffini, E. Colombo, R. Fassi, tanti altri della scena Italiana, tra gli Stranieri J. Newton, P. Erskine, J. Taylor, P. Daniellson, K. Wheeler ) sia in piccole formazione che in orchestra.
1992 al 1997 suona con l’Orchestra Giovanile Italiana di Jazz, diretta dai Maestri Bruno Tommaso, Giancarlo Gazzani, Mario Raja ed il flautista direttore statunitense James Newton. Con la stessa orchestra ha effettuato una tournée con il trio di Peter Erskine (John Taylor e Palle Daniellson), partecipando ad alcuni dei più importanti eventi musicali sul territorio nazionale.
1996 Fa parte dell’Orchestra “Amedia Ætas” del M° Roberto De Simone Compone musiche originali per la commedia teatrale ” Miles Gloriosus” di Plauto, regia di Maria C. Massari.
Alcuni dei Progetti Jazz dal 1996 a oggi come leader, co-leader, Featuring e Sideman:
1996 Progetto come co-leader quintetto “Il Volo di Lindbergh “, un progetto sulla musica di Kurt Weill. Con: Daniele Fusi ;batteria, Sergio Corbini; pianoforte, Raffaele Brancati ; ai sassofonie Amedeo Ronga ; C.basso. 1998 Progetto come Sideman con il gruppo “Iridescente Ensemble”di Claudio Riggio, con il quale registra un cd (che ha come ospite speciale il trombettista Paolo Fresu ) per l’ etichetta ” Symphonia Music “.
2000 Progetto come leader Mariano Di Nunzi trio barracina (con Daniele Fusi; batteria e Massimo De Sthephanis; C.basso), un progetto che si articola in brani di composizione originale raccolti in una suite di reminiscenza seisettecentesca, e che unisce stili diversi che vanno dalla tradizione partenopea (sia popolare che colta) alle forme del jazz moderno e contemporaneo.
2002 Progetto come Sideman con Corbini – Franceschini Quintet
2003 Progetto come Sideman con il Quintetto di Sandro Marra.
2005 Progetto come leader Mariano Di Nunzio XQuartet (Domenico Caliri ;chitarra, Simone Bosco; batteria e Silvia Bolognesi al C. basso) E’ musica scritta e pensata solo per questo quartetto, una esplorazione attraverso i suoni dei musicisti stessi, che danno alla musica una sonorità particolare , stile e forme diverse, conservando il sound di ogni singolo musicista.
2008 Progetto come leader Mariano Di Nunzio continua il viaggio con il suo trio barracina, un omaggio al grande trombettista Chet Baker nel ventesimo anniversario della sua scomparsa con “Three For Chet “.
2009 -10 Progetto come leader Mariano Di Nunzio trio barracina + 2 con Daniele Fusi alla batteria e Massimo de Stephanis al contrabbasso, +2 Sandro Marra al Sax alto; clarinetto e Andrea Rellini al violoncello. La musica si articola in una sonata in cinque parti, scritta e arrangiata solo per questo quintetto.
2014 Progetto come co-leader AlmostModern3 con Rino Adamo al Violino e Sandro Marra al sax e clarinetto un viaggio sonoro in cinque episodi sempre in bilico tra il jazz , la musica del 900 ,la musica contemporanea e la musica antica. AlmostModern3 è il crogiuolo alchemico musicale dove abbiamo fuso insieme i nostri differenti percorsi e backgrounds.
2017 Progetto come leader Mariano Di Nunzio “Walking Quartet ” Il repertorio presenta brani originali del leader che nasce da una ricerca corale. Ispirati a quelle atmosfere che fondono improvvisazione jazzistica e sapori mediterranei. Il progetto spinge gli esecutori verso nuovi confini artistici, capaci così di tracciare nuovi orizzonti musicali; una “scansione dei brani” che prenderà per mano l’ascoltatore e lo accompagnerà oltre i confini dell’improvvisazione.
2019 Progetto come Featuring con “Music For A Film Never Filmed“ di Rino Adamo
2008 Pubblica il Libro “Primo approccio all’improvvisazione Jazz” Edizione DRYCASTLE
Ha preso parte come insegnante durante workshop: Nel 1999 è docente del ” Corso di Formazione per Composizione ed esecuzione di musiche per il Teatro (REGIONE TOSCANA – CEE – SIENA).
2007 -08 -ACCADEMIA UNIKA E’ docente per la 1ª e 2ª edizione del progetto “Ba.Si. Laboratori Jazz” (in collaborazione con la Fondazione Siena Jazz), curando lo svolgimento dei programmi didattici delle seguenti materie: tromba jazz, tecniche dell’improvvisazione per cantanti e fiati, musica d’insieme, teoria musicale ed ear training.
Dal 2013 al 2020 docente di tromba jazz e musica d’insieme ai Seminari Senesi di Settembre “Kind Of Blue” per la 4ª -5ª -6ª -7ª – 8ª – 9ª – 10ª -11ª edizione. Siena Jazz, Accademia Nazionale del Jazz
Docente di tromba jazz, musica d’insieme, teoria e ear training “CORSI PRE – ACCADEMICI”
Docente di ear training e musica d’insieme al S.J.U. ” SIENA JAZZ UNIVERSITY “(Diploma Accademico di I Livello) presso Siena Jazz, Accademia Nazionale del Jazz.
Docente di Tromba jazz presso il Conservatorio Bruno Maderna di Cesena. Attualmente vive a Siena e svolge attività concertistica come leader dei suoni progetti e come Featuring con varie formazione.

Valeria Esposito
Canto

vocevola@gmail.com

Valeria Esposito, soprano di coloratura di fama internazionale, si è esibita nei più importanti teatri del mondo (La Scala di Milano, le Staatsoper di Berlino e Vienna, l’Opéra Bastille di Parigi, il Liceu di Barcellona, l’Opernhaus di Zurigo, la Carnegie Hall di New York, il Colon di Buenos Aires etc.) sotto la direzione-fra gli altri- dei maestri Claudio Abbado, Daniel Barenboim, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Riccardo Muti, Daniel Oren, Donato Renzetti. Ha lavorato, inoltre, con registi quali Pupi Avati, Costa Gavras, Werner Herzog, Roman Polanski, Luca Ronconi, Jerome Savary, Maurizio Scaparro. Fra i ruoli più eseguiti del suo repertorio spiccano: Lucia di Lammermor, Sonnambula, Gilda in Rigoletto, Regina della Notte nello Zauberflöte (con più di 160 recite in tutto il mondo), Olympia in Les Contes d’Hoffmann, Adina nell’Elisir d’Amore (inciso su DVD per Rai Trade). Fra gli altri premi ottenuti, nel 1987 ha vinto il primo premio al prestigioso concorso BBC Cardiff of the World. Nel 2007 ha cantato nel Concerto dal Quirinale per il Presidente Ciampi trasmesso da RAI 1. Nel 2008 ha cantato in due concerti con il tenore Jose Carreras, a Napoli ed a Monza (quest’ultimo trasmesso da RAI 1). Nel 2010 ha cantato nella Sala Nervi per Sua Santità Papa Benedetto XVI. E’docente di canto al Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena e fa masterclass di perfezionamento in canto lirico in inglese, russo, spagnolo, francese e tedesco. Laureata in Lingue e Letterature straniere all’Istituto Orientale di Napoli (russo, sotto la guida di Serena Vitale, e inglese) ha conseguito diplomi di perfezionamento in inglese, francese, tedesco e spagnolo, lingue che parla correntemente. Sta studiando cinese ed ha conseguito l’HSK1 e HSK2. Ha pubblicato il romanzo Spirto Gentile (Prospettivaeditrice), la raccolta di liriche Nonessere (Albatros Editrice), L’Inventafiabe (Statale11) e la silloge di racconti Violetta Vendicata e altri fantasmi all’opera. E’ anche autrice di testi teatrali e canzoni.

Annamaria Federici
Composizione musicale elettroacustica

annamaryfede@gmail.com

 

Vittorio Ferrari
Corno
Davide Franceschetti
Pianoforte

davidefranceschetti@libero.it

 

Michele Francesconi
Pianoforte jazz

michelefrancesconimail@gmail.com

Diplomato in pianoforte e in musica jazz.

Ha insegnato presso i Conservatori di Adria, La Spezia, Cesena, Bologna, Perugia e L’Aquila. Nel 2015 ha pubblicato il libro Pianoforte Complementare in Stile Pop-Jazz (Volonte & Co). Tra le pubblicazioni discografiche segnaliamo: ITALIAN TUNES, Z- Best Music, 2006; MOZART IN JAZZ, Splasc(h) Records, 2007; RECITAL TRIO, Widerlook, 2008; QUINTORIGO PLAYS MINGUS, Sam Productions, 2008; PANE E TEMPESTA di Paolo Damiani, Egea, 2010; TWICE, Abeat Records, 2011; LA DONNA DI CRISTALLO di Cristina Zavalloni & Radar Band, Egea, 2012; SKYLARK, Zone di Musica, 2013; BOLOGNA SKYLINE di Andrea Ferrario & Michele Francesconi, Alfa Music, 2015; SONGS di Michele Francesconi e Laura Avanzolini, Alfa Music, 2017. Ha suonato in diverse rassegne e jazz club: Ravenna Festival, Ethnoinsula Musicae, Festival Atlantide, Percuotere la mente, Jazz in der Altstadt, Itinerari Jazz, Garda Jazz Festival, Sabato in concerto – Fondazione Pescarabruzzo, Sonata Islands, Festival della filosofia di Modena, Cantina Bentivoglio, Roccella Jazz Festival, Casa del Jazz, Pinocchio Jazz Club, European Jazz Expo di Cagliari, Torino Jazz Festival, Auditorium Parco della Musica, Crossroads, Iseo Jazz, Torrione Jazz Club. È direttore artistico del Rossini Jazz Club di Faenza.

Gabriele Leonardo Gamba
Bibliografia e biblioteconomia musicale

gl.gamba@conservatoriomaderna-cesena.it

 

Maria Cristina Garagnani
Poesia per musica e drammaturgia musicale

mcristina.garagnani@libero.it

Ha conseguito la Laurea in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Bologna in data 6/03/1979 con una tesi in Estetica su “La nozione di avanguardia letteraria”, relatore prof. Luciano Anceschi. Ha conseguito il Perfezionamento in Storia dell’Arte presso l’Università degli Studi di Urbino in data 9/04/1986 con una tesi in Estetica su “La nozione di istituzione”, relatore prof. Carlo Gentili. E’ stata inclusa nella Graduatoria di Merito del Concorso Ordinario a cattedre bandito con D.M. 4/09/1982 presso l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna, per la Classe di Concorso LXVI Materie letterarie negli Istituti di Istruzione Secondaria di II grado.

Nell’anno 1981-82 ha insegnato con incarico annuale Letteratura poetica e drammatica presso il Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara. Ha prestato servizio come docente di ruolo per la cattedra di Letteratura poetica e drammatica presso il Conservatorio Statale di Musica “G. Frescobaldi” di Ferrara dal 1/10/1984 al 30/10/1987. Dal 1/11/1987 a tutt’oggi è titolare della Cattedra di Letteratura poetica e drammatica presso il Conservatorio Statale di Musica “B.Maderna” di Cesena.

Ha collaborato alla stesura dei Programmi di sala delle opere allestite dal Conservatorio “B.Maderna” presso il Teatro Bonci di Cesena, casa editrice “Il Ponte Vecchio”,con i seguenti interventi:

Dall’A.A. 2004-2005 è membro elettivo del Consiglio Accademico del Conservatorio “B.Maderna” di Cesena. Dall’A.A. 2006-2007 è il Coordinatore del Progetto Erasmus e Delegato alle Relazioni Internazionali del Conservatorio “B.Maderna” di Cesena. Dal marzo 2006 con nomina del Sindaco fa parte di una Commissione ristretta in qualità di Consulente dell’Assessore alla Cultura del Comune di Forlì.

Giuseppe Garberoli
Accompagnamento pianistico

giuseppegarberoli@gmail.com

Giuseppe Garberoli, si è diplomato nel 1987 al Conservatorio “S. Cecilia” (ROMA), dove ha studiato sotto la guida del M° Sergio Perticaroli. Da allora ha iniziato la sua attività concertistica effettuando concerti soprattutto in formazioni cameristiche e prediligendo in particolar modo il duo violino e pianoforte. E’ invitato spesso da importanti associazioni concertistiche in Italia, Germania, Austria, Ungheria, ecc… E’ stato premiato in numerosi concorsi nazionali ed internazionali fra i quali il concorso internazionale di Capri, al concorso nazionale “Città di Polla” al concorso nazionale di Sannicandro Garganico, al concorso nazionale pianistico “Mascia Masin” di San Gemini, al concorso nazionale pianistico “Premio Agorà” di Roma. Collabora come pianista con le più importanti classi del Conservatorio “S. Cecilia” Roma ed è invitato di frequente come pianista accompagnatore per esami e audizioni presso l’ Accademia Nazionale di “S. Cecilia” Roma. Collabora frequentemente con il M° Claudio Desderi in occasione dei suoi corsi di perfezionamento. Ha lavorato come vincitore di concorso per titoli ed esami presso l’accademia nazionale di danza a Roma. Ha appena avuto una collaborazione con il Direttore Bruno Aprea e la sua classe di Direzione d’ orchestra. Ha conseguito l’abilitazione come pianista accompagnatore nei Conservatori di musica e nell’Accademia nazionale di danza.

Paolo Geminiani
Teoria dell'armonia e analisi

p.geminiani@conservatoriomaderna.it

Ha compiuto gli studi musicali a Bologna e Modena con Cristina Landuzzi e Lelio Camilleri, diplomandosi in Composizione, Musica Elettronica, Musica corale e direzione di coro, Strumentazione per banda. Parallelamente agli studi di conservatorio consegue il Diploma di Alto Perfezionamento in Composizione presso l’ICONS di Novara con Alessandro Solbiati e il Master di I livello in Composizione teatrale, musicale e coreutica presso Opera Academy Verona sotto la guida di Azio Corghi. Frequenta diversi corsi di perfezionamento con Franco Donatoni, Adriano Guarnieri, Alvise Vidolin, e masterclasses tenute da Gyorgy Ligeti, Goffredo Petrassi, Gerard Grisey, Niccolò Castiglioni. Dal 1998 ad oggi è stato premiato in diversi concorsi nazionali e internazionali, tra i quali: Gustav Mahler Klagenfurt, Città di Spoleto, SuonoSonda, Egidio Carella, Volos International Competition, ISCM World Music Day, Daegu Contemporary Music Festival, Premio Valentino Bucchi, Florence String Quartet, Firenze Reggello International Festival, Counterpoint International Competition, Rosolino Toscano, Città di Barcellona Pozzo di Gotto, Italy Percussion Competition, Concorso Antonio Manoni, A.Gi.Mus. Varenna, San Rossore, Assisi Suono Sacro, Paolo Barsacchi, Città di Barletta, e ricevuto menzioni e riconoscimenti a Oslo International Edvard Grieg Competition, IBLA Grand Prize, Romualdo Marenco e altri. Collabora con Emilia Romagna Festival con trascrizioni e arrangiamenti a diversi progetti collegati: Massimo Mercelli e I Fiati Associati, il violinista Alessandro Cazzato, i chitarristi Sergio Sorrentino e Donato D’Antonio, le flautiste Linda Wetherill e Antonella Bini. Nel 2016, in collaborazione con il violinista Alessandro Cazzato, ha effettuato una serie di concerti e masterclass in Portogallo e a New York. Ha realizzato gli arrangiamenti per Dissonanze in accordo, a cura di Daniele Proni e Associazione Rondine Cittadella della pace con spettacoli a Solomeo (Pg) e Bruxelles. Ha contribuito alla revisione di due opere di M. E. Bossi registrate su cd Tactus dall’organista Andrea Macinanti. I suoi lavori sono stati eseguiti in sede internazionale: Sydney International Composers Concert Verbrugghen Hall, Universidade de Évora, Museu Condes de Castro Guimaraes di Cascais, Auditório do Departamento de Comunicação e Arte, Universidade de Aveiro (Portugal), Sound Thought Festival Centre for Contemporary Arts Glasgow, Spectrum, Carnegie Hall, North/South Chamber Orchestra, Lefrak Hall Queens College, Steinway Hall and Legacy Hall, New York City Electroacoustic Music Festival (NYC), Center for the Performing Arts of University of Wisconsin Green Bay, Columbus State University, Isaacs Auditorium Selingrove (USA), Sauble Beach Guitar Festival Canada, International Contemporary Music Festival di Deagu (South Corea), Saint Giles’ Cripplegate London, Sala Menhuin Parlamiament of Europe Bruxelles, DAMus UNA Sala García Morillo, Ruidalsud Festival Internacional de Música Contemporánea San Juan, Guitarras en San Juan Festival (Argentina), 49th Festival Musica Nova “Gilberto Méndes” Ribeirão Preto, IV BIMESP San Paolo Brazil, Guitar Festival Lipica, ISCM World Music Day Slovenia, Hagi Origami Museum Japan. A livello nazionale, nell’ambito di varie rassegne: Rebus Milano, Festival di Bellagio, Milano Cinque Giornate, New Made Week, Italian Composers Forum, Urticanti Bari, Festival Musica Contemporanea Italiana Forlì, Contemporaneamente Reggio Calabria, Domenica del quartetto Firenze, Sulle Ali del Novecento Brescia, Cluster–Compositori Europei Lucca, Risuonanze, Festival Camino Contro Corrente, MiXXer Ferrara, Chamber Music Festival Lucca, Oltre il contemporaneo, 3 Quarti d’ora di Musica, Organi Antichi, Con-Vento Contemporaneo, Nuovi Orizzonti Sonori Bologna, Settimana del contemporaneo Faenza. Esecuzioni a cura di Sidney Contemporary Orchestra, BRNO Philharmonic Orchestra, Slovene Philharmonic String Chamber Orchestra, Daegu Contemporary Music Orchestra, Uroboros Ensemble, North/South Chamber Orchestra, New MADE Ensemble, Dedalo Ensemble, Ensemble Antidogma, Phoenix String Quartet, Quartetto Ascanio, Marino Bedetti, Linda Wetherill, Arcadio Baracchi, Andrea Ceccomori, Rephael Negri, Leopoldo Saracino, Alessandro Cazzato, Carmine Rizzi, Antonella Bini, Donato D’Antonio & Vanni Montanari, Silvio Zalambani & Amerindia ensemble, Duo Novecembalo, Chiara Urli, Ensemble Suono Sacro, Soundiff Ensemble, Ensemble Filomusia. I suoi lavori sono pubblicati presso Ut Orpheus, Sconfinarte, M.A.P. Editions, Berben Edizioni, Agenda Edizioni, Taukay. CD presso Tactus edizioni, ABLAZE Records, RMN Label, Soundiff Barletta, Accademia Pescarese, MobyDick Faenza, SuonoSonda Genova. Ha insegnato presso i Conservatori di Bologna, Bari e Fermo, dall’anno accademico 2019/2020 è docente di Teoria dell’armonia e analisi al Conservatorio B. Maderna di Cesena.

Giulia Genini
Flauto dolce e Fagotto barocco

giuliagenini@gmail.com

Dopo il diploma alla Schola Cantorum Basiliensis in flauto dolce (con C. Steinmann) e fagotti storici (D. Agrell e J. Borras), vince il Premio della Fondazione Friedl Wald (2005), il Premio ASRI (2009) ed il Premio della Fondazione Kiefer Hablitzel (2014). Collabora sia come flautista che come fagottista con I Barocchisti (D. Fasolis), Il Giardino Armonico (G. Antonini), Accademia Bizantina (O. Dantone), La Divina Armonia (L. Ghielmi), Ensemble Claudiana (L. Pianca) e altri. Come solista si è esibita in prestigiosi contesti internazionali come la New York Carnegie Hall, il Menuhin Festival Gstaad, lo Schleswig Holstein Musikfestival, le Settimane Musicali di Ascona, la Victoria Hall di Ginevra. Nel 2012 ha collaborato con i Berliner Philharmoniker per un programma dedicato a Vivaldi, diretto da Andrea Marcon. Dal 2015 partecipa in qualità di coach a progetti orchestrali dedicati alla prassi esecutiva storica presso il Conservatorio della Svizzera Italiana, dov’è anche corresponsabile di Formazione. Ha inoltre tenuto un Workshop sul repertorio strumentale del Seicento Italiano per la classe di flauto dolce della Schola Cantorum Basiliensis nel 2019. È fondatrice e direttrice dell’Ensemble Concerto Scirocco, col quale svolge un’intensa attività concertistica e discografica dal 2010. È direttrice del Festival CaronAntica, una rassegna concertistica dedicata al repertorio antico che si svolge nel borgo storico di Carona, nei pressi di Lugano. Ha partecipato a incisioni discografiche per Deutsche Grammophon, Virgin Classics, Decca, Deutsche Harmonia Mundi, Arcana, Naïve, Ricercar, Alpha e CPO.

Gabriele Giampaoletti
Saxofono

ggiampaoletti642@gmail.com

Gabriele Giampaoletti si diploma in saxofono con il massimo dei voti nel 1988 presso il conservatorio “G.Rossini” di Fermo sotto la guida del M° F. Mondelci, in seguito si perfeziona con il M° J-M. Londeix. Ottiene premi in concorsi nazionali ed internazionali e svolge attività concertistica suonando in Italia per importanti associazioni musicali come: RAI (Festival Nuova Musica Italiana), RAI UNO, Gioventù Musicale d’ Italia, Centro Sanmarinese Studi Musicali, Ass. “R. Lipizer” di Gorizia, Amici della Musica, Estate Musicale Sorrentina, Camerata Musicale Irpina, A. GI. MUS., Accademia d’ Arte Lirica e Corale di Osimo, Opera Barga, Asolo Musica, etc… ed all’estero in paesi come Francia, Spagna, Inghilterra, Svizzera, Croazia. Collabora con l’ Orchestra Filarmonica Marchigiana, l’ Orchestra Internazionale d’ Italia, l’Orchestra del Teatro “La Fenice” di Venezia, l’ Orchestra Filarmonica delle Marche, e l’ Orchestra dell’Istituto Europeo diMusica sotto la direzione di Maestri come: D. Oren, F. Maestri, D. Renzetti, G. Meditz, G. Gaslini, K. Farrell, W. Proost, D. Chmura, N. Samale, suonando i più importanti soli orchestrali ed esibendosi più volte come solista. Interessato allo studio del clarinetto ottiene il diploma con il M°. U. Contrevi al conservatorio “G. Rossini” di Pesaro. La passione per il jazz lo porta a studiare con i Maestri T. Lama, A. Mancinelli e J. Walrath con cui è nato un cd live. Ha all’attivo incisioni discografiche per la KHO e per la Edipan.Attualmente l’ attività concertistica lo vede impegnato in diverse formazioni cameristiche dal duo all’ottetto. Ha partecipato sia in qualità di esecutore che di organizzatore, al “X° Congresso Mondialedel Saxofono” svoltosi a Pesaro nel 1992, mentre nel settembre del 1997 ha rappresentato l’Italia con il suo quartetto, in occasione dell’ “XI° Congresso Mondiale del Saxofono” svoltosi a Valencia. L’ attività didattica lo vede impegnato sin dal 1988 nella divulgazione dello studio del saxofono classico. Nel 1991 ha conseguito l’abilitazione per l’insegnamento del saxofono presso i conservatori di musica ed attualmente è titolare di cattedra presso il conservatorio “B. Maderna” di Cesena.

Giancarlo Giannini
Trombone jazz

Giancarlo Giannini si è diplomato in trombone al Conservatorio di Parma nel 1985, sotto la guida del M° Maurizio Mineo. Dal 1982 al 1990 ha suonato in Orchestre Sinfoniche e Teatri quali: Orchestra RAI Milano, Orchestra A. Toscanini Parma, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Teatro Regio Parma, Orchestra Filarmonica Marchigiana, Orchestra Regionale Toscana, ecc. Ha suonato sotto Direttori quali: Lovro von Matacic, Riccardo Chailly, Esa-Pekka Salonen, Vladimir Delman, Angelo Campori, Marcello Rota, ecc. Nel 1989 vince una borsa di studio per il Berklee College of Music di Boston, ove si reca dal 1990 al 1991, studiando, fra gli altri, con Phil Wilson, Hal Crook, Herb Pomeroy. Da questo periodo in poi si dedica ad una carriera nel campo della Musica Jazz. Ha suonato in Festival quali: Lugano Jazz Estival (CH), Abu-Dabi Jazz Festival (UAE), Umbria Jazz Perugia, Termoli Jazz Festival, Fano Jazz by the Sea, Bologna Jazz Festival, Festival Internazionale Santa Fiora, Ravenna Jazz Festival, ecc. Ha suonato e/o inciso con: Carlo Atti, Franco D’Andrea, Roberto Rossi, Fabrizio Bosso, David Boato, Piero Odorici, Stefano Senni, Pietro Tonolo, Michele Vignali, Emiliano Vernizzi, Giampaolo Casati, Marco Tamburini, Stefano Paolini, Nico Menci, Max dall’Omo, Bruno Briscik, Marco Ferri, Bobby Duhram, Jimmy Woode, Joe Lovano, Slide Hampton, Steve Lacy, David Liebman, Bill Watrous, Dena De Rose, ecc. Attualmente, oltre ad esibirsi col proprio Jazz Quartet, è membro della REUNION Big Band, della ROOST Big Band (diretta da S. Travaglini), e della ERJ Jazz Orchestra (diretta da Roberto Rossi). Nel campo della didattica, ha insegnato Musica d’insieme Jazz al Conservatorio di Bologna dal 2005 al 2007; Trombone Jazz al Conservatorio di Bologna nel 2016/17 e nel 2019/20. Nel campo della Musica Leggera, ha suonato dal 1982 al 1984 nell’ Orchestra del M° Pino Calvi, presso la TV Antenna 3 Lombardia, nel 1995/1997 nell’Orchestra Ritmico-Sinfonica della RAI di Roma, diretta dal M° Gianni Ferrio.

Luca Giardini
Violino barocco

l.giardini@conservatoriomaderna-cesena.it

Luca Giardini compie gli studi di violino moderno a Milano e a Lugano con Carlo Chiarappa per poi intraprendere un percorso di approfondimento sulla prassi esecutiva storica del repertorio violinistico dei secoli XVII–XIX, studiando con specialisti quali: Catherine Mackintosh, Monica Huggett, Nicolette Moonen e PeterHanson a Londra e Anton Steck a Trossingen. Dal 1998, dopo aver collaborato con alcune delle più importanti orchestre cameristiche e sinfoniche milanesi, comincia un’ininterrotta collaborazione con il circuito “early music” europeo, che lo porta ad esibirsi nelle grandi sale da concerto di tutto il mondo. Ad oggi vanta numerose collaborazioni in Italia e all’estero con ensembles di rilievo, quali: Europa Galante, Accademia Bizantina, Il Giardino Armonico, Complesso Barocco, Ensemble Zefiro, Modo Antiquo, Ensemble Concerto, Il Rossignolo, Aglaia, la Venexiana, I Barocchisti, The Orchestra of the Age of Enlightenement, The Bach Ensemble, Al Ayre Espanol, Ensemble Matheus, La Cetra-Basel, Marini Consort-Innsbruck, Divino Sospiro. Suona con concertatori e solisti di chiara fama: Simon Rattle, Frans Brüggen, Philippe Herreweghe, Cecilia Bartoli, Ian Bostridge, Giuliano Carmignola. Ha preso parte alla realizzazione di più di settanta CDs per le più visibili case discografiche, tra cui: Philips, Decca, Emi, Emi-Virgin, Harmonia Mundi, L’OiseauLyre, Naxos, Brilliant classics, Naive e ha registrato per la maggior parte delle emittenti radiofoniche e televisive europee, americane ed asiatiche. Compare regolarmente in progetti audio-video e registrazioni DVD. Ha partecipato ad importanti riscoperte discografiche del repertorio Sei-Settecentesco ricevendo pieni consensi dalla critica quali: Grammy Award, Diapason d’Or, Choc dela Musique, 10 Repertoire, Premio Fondazione Cini–Venezia, Premio Abbiati. Dall’anno accademico 2008/2009 è docente di Violino Barocco presso il Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena.

Lucio Gregoretti
Composizione per la musica applicata alle immagini
Felicia Gregorio
Pratica e lettura pianistica

feliciag1511@yahoo.it

Diploma in Pianoforte, Composizione, Musica corale e Direzione di coro e Strumentazione per banda. Maturità Scientifica. Laurea in Psicologia Clinica e di Comunità. Vincita Concorso Statale per Esame e Titoli per i seguenti Insegnamenti: Educazione Musicale Scuole Medie di Primo grado, Educazione Musicale Scuole Medie di Secondo grado, Pianoforte Complementare Conservatori di Musica, Musica da Camera Conservatori di Musica. Abilitazione all’Esercizio della professione di Psicologa. Attività concertistica intensa, in Italia e all’Estero come Pianista solista e camerista e come Compositrice per importanti Associazioni dal 1980 ad oggi. Vincita di svariati premi in Concorsi pianistici e cameristici italiani. Numerose Registrazioni e Dirette Radio-Televisive italiane ed estere come pianista e compositrice.

Marsida Koni
Pianoforte

marsida@marsidakoni.com

 

Marco Laganà
Pratica e lettura pianistica

laganamarco@libero.it

 

Marco Lugaresi
Fagotto

lugaresimarco@libero.it

Nato a Cesena nel 1970 ha studiato in Italia col M° Lorenzo Bettini e successivamente in Germania con il M° Eberhard Marschall presso la Musikhochschule di Monaco di Baviera. Come primo fagotto ha suonato con orchestre quali: Chamber Orchestra of Europe, Camerata di New York, Basel Sinfonietta, Teatro La Fenice di Venezia, Arturo Toscanini di Parma, Accademia Bizantina di Ravenna, Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, Cadaques Orchestra, sotto la direzione di noti maestri (S. Celibidache, N. Harnoncourt, C. Davis, N. Mariner, R. Muti, R. Norrington, I. Fisher, P. Eotvos, R. Barshai, V. Fedosseev, G. Sinopoli, e altri ancora). Dal 2003 suona come primo fagotto solista con le orchestre “Camerata Academica” di Salisburgo e “Città Aperta”. Risultato vincitore di vari concorsi, fra questi quello per l’assegnazione di cattedre nei Conservatori Italiani, ha insegnato dal 1993 al 2005 presso il Conservatorio “Lorenzo Perosi” di Campobasso, dal 2005 al 2007 presso il Conservatorio “Giuseppe Tartini” di Trieste. Attualmente è docente presso il Conservatorio “Antonio Buzzolla” di Adria, nonché incaricato dei corsi di specializzazione biennali presso il Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena e viene invitato regolarmente a tenere masters presso la “Guildhall school”, il “Royal College” e la “Royal Academy” di Londra.

Paolo Manetti
Esercitazioni orchestrali

pmanetti@alice.it

 

Alessandra Mazzanti
Pratica organistica e canto gregoriano

alessandramazzanti19@gmail.com

Nata a Bologna, si è diplomata in Organo e Composizione Organistica nella classe del Mº Maria Grazia Filippi con il massimo dei voti, in Musica Corale e Direzione di Coro con il Mº Tito Gotti, in Composizione con il Mº Ivan Vandor e in Direzione d’Orchestra con il Mº Luciano Acocellacon cui ha pure ottenuto la Laurea di II Livello con il massimo dei voti e la lode, presso il Conservatorio «G.B. Martini» di Bologna discutendo una tesi su “Il canto gregoriano nella musica lirica e sinfonica tra ‘800 e prima metà del ‘900”.In qualità di organista ha seguito corsi di interpretazione con Luigi Ferdinando Tagliavini, Michael Radulescu e Monika Henking e ha un’intensa attività concertistica come solista e in formazioni corali e strumentali, con tournée e concerti in Italia, Francia, Germania, Austria, Belgio, Polonia, Svizzera, Spagna, Palma di Maiorca, Uruguay, Argentina, Messico e Inghilterra. É organista della Basilica di S. Antonio da Padova di Bologna e nel 2018 ha curato e seguito il Restauro dell’organo Franz Zanin (1972) della Basilica, realizzato dalla ditta Dell’Orto & Lanzini. Dal 2016 è inoltre organista titolare della Chiesa di S. Domenico di Cesena e soprintendente artistico dell’antico organo a canne Baldassarre Malamini del 1601 ivi conservato.

In qualità di direttore d’orchestra, ha frequentato corsi di perfezionamento con Deyan Pavlov e Gheorghi Dimitrov ed ha all’attivo numerosi concerti in Italia e all’estero. Ha diretto l’Orchestra del Teatro Comunale di Bolognae numerose orchestre europee. Dal 1997 al 2001 ha diretto il Coro e Orchestra della Cappella Musicale Arcivescovile di Santa Maria dei Servi di Bologna. Dal 1995 è Direttore del Coro Polifonico Fabio da Bologna e nello stesso anno ha fondato e da allora dirige l’Orchestra Fabio da Bologna. Con queste compagini, oltre al repertorio classico per orchestra sola, si è dedicata al repertorio sacro per coro e orchestra dal XVIII al XX secolo proponendo autori quali Vivaldi, Cafaro, Caldara, Carissimi, Durante, Cimarosa, Martini, Salieri, Händel, Haydn, Mozart, Rossini, Gounod, Bruckner, Rheinberger, Franck, Bossi, Fauré, Vierne, Poulenc e molti altri.

La sua attività compositiva annovera esecuzioni all’interno di importanti cicli di concerti in Italia e all’estero, Festival internazionali e registrazioni per la Radio italiana. Ha vinto per due stagioni consecutive il Concorso di Composizione «Noferini» indetto dal Conservatorio «G.B. Martini» di Bologna negli anni 1985 e 1986. La sua composizione ECCE HOMO ha vinto il primo premio al “XII International Composition Contest DONNE IN MUSICA Serbia 2015”, nella IV categoria –Musica orchestrale.

E’ Direttore Artistico di Fabio da Bologna Associazione Musicale, dei cicli di concerti “Ottobre Organistico Francescano Bolognese” e “Bologna Summer Organ Festival” che hanno luogo presso la Basilica di S. Antonio di Padova di Bologna (organo meccanico Franz Zanin 1972), del ciclo di concerti d’organo “Venerdì a Stella Maris” che ha luogo presso la chiesa francescana di Stella Maris a Milano Marittima (RA) (organo a trasmissione elettrica Zanin 1970), e Direttore Artistico del festival “Musica a San Domenico” che ha luogo a Cesena nella Chiesa di San Domenico (organo Malamini 1601). Suona in duo organo e tromba con Alberto Astolfi, in trio organo e due trombe con Alberto Astolfi e Luigi Zardi, organo e soprano con Paola Cigna, organo e contralto con Daniela Pini, organo e tenore con Gregory Bonfatti, organo e violino con Gabriele Raspanti, organo e saxofono con Cornelia Schünemann. Ha inciso numerosi CD sia in qualità di organista che di direttore di coro e d’orchestra. E’ chiamata a tenere seminari sul concerto per organo e orchestra, l’organo italiano nel XIX secolo, l’organo e il canto gregoriano, il canto gregoriano nella musica dal Mille ai giorni nostri, l’accompagnamento al canto gregoriano, anche affiancando docenti quali Nino Albarosa e Bruna Caruso. Ha tenuto workshop presso le scuole di Cambridge (UK) sul Carnevale degli animali di Saint-Saëns. È docente di Organo (Prassi esecutiva e Repertorio Romantico e Moderno nel Biennio), Pratica organistica e di Canto Gregoriano presso il Conservatorio «Bruno Maderna» di Cesena.

Gabriele Mirabassi
Clarinetto jazz
Enrico Orlando
Violino

enricoorlando@virgilio.it

Enrico Orlando si diploma in Violino presso il Conservatorio “ V. Bellini” di Palermo con il maestro Giuseppe Di Janni. Durante il periodo degli studi, è premiato e vincitore ai concorsi violinistici di Biella e Catanzaro. Prende parte, in qualità di violinista, alla trasmissione radiofonica per la RAI “Gli strumenti ad arco”. Nel 1985 è vincitore del concorso per violino presso l’EAOSS (ente autonomo orchestra sinfonica siciliana). Frequenta i corsi di perfezionamento tenuti da: Eliodoro Sollima a Trapani, Pavel Vernicov a Portogruaro, Nina Beilina a Sulmona ed Henrik Szering a Ginevra, conseguendo i diplomi di merito.La sua attività artistica si realizza tenendo concerti in duo, trio con pianoforte e altre formazioni, per associazioni quali: Amici della Musica, Maggio dei monumenti, Scanno Musicaestate, facendo parte di ensemble come “I Solisti Aquilani”e interpretando una versione di “Derive” di Pier Boulez, alla presenza dell’autore, al Teatro S. Carlo di Napoli. Per la TV, ha eseguito il concerto per violino in La minore di J.S.Bach nella trasmissione “Dietro le quinte – I segreti della musica” per Video Sapere su Rai 3. Ha inciso per la casa Bongiovanni” e per “Musicaimmagine” ottenendo, per quest’ultima la menzione sulla rivista “Piano Time. In qualità di “spalla” e solista, ha al suo attivo tournèe (Svizzera,Belgio,Francia,USA,Germania) e collaborazioni con enti quali: Orchestra filarmonica Italiana,Giovani d’Europa carta di Parigi,Cantori di San Carlo, Archi dell’orchestra filarmonica di Roma,Luglio trapanese,”I Solisti Accademici”di Rimini. E’ autore ed esecutore delle musiche dei seguenti spettacoli di prosa: ”Rappresentazione dei S.S.Giovanni e Paulo del Magnifico Lorenzo de Medici” e “Lennon&John” Ha insegnato Presso i Conservatori di Musica di Matera, Avellino, Trapani ed attualmente è titolare della cattedra di violino presso il Conservatorio di Musica “Bruno Maderna” di Cesena.

Chiara Pancaldi
Canto Jazz

chiara.pancaldi@gmail.com

Chiara Pancaldi, cantante e autrice, nasce a Bologna nel 1982.
Si dedica sin da giovanissima alla musica, iniziando con lo studio del pianoforte classico. Intraprende a diciannove anni lo studio della tecnica vocale con il contralto Beatrice Sarti e successivamente con il mezzo soprano Silvia Testoni. Dal 2011 al 2016 si perfeziona con il M° Miguel Angel Curti nello studio della tecnica e del repertorio belcantistico.
Tra il 2001 e il 2010, accanto ad una fitta esperienza live, frequenta numerosi seminari (Michele Hendricks, Rachel Gould, Harold Mabern, Vincent Harring, Joe Farnsworth, John Webber, David Hazeltine, Roberta Gambarini, Jay Clayton, Barry Harris, Bob Stoloff).
In quegli anni Chiara vince la borsa di studio dello Spoleto Art Symposia come miglior cantante (2008) partecipa come finalista ai concorsi Chicco Bettinardi (finalista nel 2009 assieme a Francesco Diodati, Enrico Zanisi, Pasquale Grasso, Sebastiano Burgio, Andrea Garibaldi, all’interno del Piacenza Jazz Fest) e Premio Massimo Urbani nel 2010 (finalista e vincitrice della borsa di studio per i corsi Berklee di Umbria Jazz). Si esibisce in numerose rassegne e jazz club: Bologna Jazz Festival, Jazz In It Festival, Culatello e Jazz, Crossroads Jazz Festival, Zola Jazz And Wine Festival, Orsara Jazz Festival, Ancona Jazz, Umbria Jazz, London Jazz Festival, Sunset Sunside Jazz Club Parigi, Jazzkeller Jazz Club Francoforte, Porgy and Bess Jazz Club Vienna, Unterfahrt Jazz Club Monaco, Teatro Giordano, Muze Cultural Center, Torrione Jazz Club, Alexander Plaz Jazz Club, Cantina Bentivoglio Jazz Club, Orsara Jazz Festival, Paradiso Jazz Festival, Bansko Jazz Festival, Cala Gonone Jazz Festival. Garda Jazz Festival, Jurmala Jazz, Duc Des Lombardes, Pizza express, Jazz at Lincoln Center in Shanghai, Cemal Resit Rey, Jz Jazz Club (Hangzhou), East Shore Jazz Club (Pechino) Festival Mundus e molti altri ancora.
Nel 2011 si laurea con il massimo dei voti al conservatorio di Bologna in Canto Jazz studiando, tra gli altri con Diana Torto, Stefano Zenni e Paolo Silvestri.

Nel 2010 fonda il “Chiara Pancaldi Jazz Quintet”. La band, formata da Nico Menci, Davide Brillante, Stefano Senni e Vittorio Sicbaldi, registra il disco d’esordio di Chiara edito per l’etichetta discografica Koinè – Dodicilune (2012).

Nel novembre 2012 incontra il pianista Cyrus Chestnut il quale la invita ad esibirsi con il suo trio al Dizzy’s Club press il Jazz at Lincoln Center di New York. A gennaio 2013 dunque si reca per un mese a New York, tornando successivamente per due mesi tra settembre e novembre 2013. In questa ultima occasione registra un disco sotto la direzione artistica del trombettista Jeremy Pelt, con un trio davvero d’eccezione: Cyrus Chestnut al piano, John Webber al contrabbasso e Joe Farnsworth alla batteria.

Nell’aprile 2015 inizia una nuova collaborazione con Kirk Lightsey, storico pianista di Chet Baker e Dexter Gordon, con il quale fa un tour nel Nord Italia, accompagnata da Darryl Hall al basso e Tommaso Cappellato alla batteria.
Nel Maggio 2015 esce il suo nuovo album per l’etichetta olandese Challenge Records, “I walk a little faster” prodotto artisticamente da Jeremy Pelt e che vede la cantante collaborare con Cyrus Chestnut al piano, John Webber al contrabbasso e Joe Farnsworth alla batteria. Il disco riscuote successo di vendite e critiche, soprattutto nel mercato asiatico, aggiudicandosi il primo posto come miglior disco vocal jazz del 2015 secondo la rivista giapponese Jazz Critique Magazine scavalcando icone come Dee Dee Bridgwater e Diana Krall.

Sempre nel maggio 2015 viene selezionata, unica italiana, per la prestigiosa Montreux Competition all’interno del Montreux Jazz Festival 2015.
A novembre 2016 è stata impegnata in un tour di oltre due settimane con Cyrus Chestnut per presentare il disco “I Walk a Little Faster” in tutta Europa, esibendosi tra le tante venue al Sunside Jazz Club di Parigi, al London Jazz Festival, al Jazzkeller Jazz Club di Francoforte, all’ Unterfahrt Jazz Club di Monaco, al Porgy and Bess Jazz Club di Vienna.

Nel 2017 pubblica assieme a Kirk Lightsey e Darryl Hall il suo ultimo album solista What is there to say sempre per Challenge Records International. Nel disco sono presenti due ospiti di eccezione: Jeremy Pelt e Laurent Maur. Il disco, distribuito in tutto il mondo, riscuote successo di critica in numerose testate nazionali ed internazionali. Il disco è stato presentato in anteprima a Tokyo nel giugno 2017.

Nel febbraio 2019 entra nel roster artisti dell’agenzia MUSIC WORKS INTERNATIONAL.

Nel novembre 2019 è ospite del disco solista di Darryl Hall Swinging Back (Space Time Records) dove duetta su due brani Exactly Like you e Coração Vagabundo.

Nel febbraio 2020 esce il suo ultimo disco Precious (Challenge Records International) dove si cimenta con la scrittura. Un disco quasi interamente di brani originali affiancata da Roberto Tarenzi al piano, Darryl Hal al basso, Roberto Pistolesi alla batteria, special guests Diego Frabetti alla tromba e Giancarlo Bianchetti alla chitarra. Il disco viene presentato in anteprima presso il Duc Des Lombardes di Parigi, Pizza Express di Londra, Jazzkeller di Esslingen, Cemal Resit Rey di Istanbul.

Affianca all’attività concertistica una fitta attività di insegnamento con lezioni individuali e seminari e workshops. Nel 2011 e 2013 e’ assistente alla classe di canto tenuta da Rachel Gould nei Seminari Internazionali di Jazz di Orsara. Nel 2014 è assistente ai seminari di canto jazz del Modena Jazz Festival affiancando la cantante Shawnn Monteiro.
Ha insegnato Canto Jazz presso i conservatori Nino Rota di Monopoli (BA), Jacopo Tomadini di Udine. Attualmente docente di Canto Jazz presso il Conservatorio B. Maderna di Cesena, A. Buzzolla di Adria (RO), A. Pedrollo di Vicenza.

Filippo Pantieri
Clavicembalo e tastiere storiche - Basso continuo

filippopantieri@libero.it

Filippo Pantieri, diplomato con lode in Pianoforte e Clavicembalo sotto la guida di Stefano Orioli e Silvia Rambaldi e Diploma Master presso l’Accademia Pianistica di Imola con Boris Petrushansky, dopo avere vinto il Primo Premio in vari concorsi pianistici e di musica da camera in Italia (Premio Nazionale delle Arti Roma, Arezzo “Nuovi Orizzonti” etc.), nel 2010 si è aggiudicato il Primo Premio Assoluto “Laureat” con unanimità di giuria al concorso pianistico internazionale “Davorin Jenko” di Belgrado. Da allora svolge attività concertistica in vari paesi, accompagnato da orchestre quali Guildhall Symphony Orchestra di Londra, Orchestra Nazionale Russa “P. I. Tchaikovsky”, Orchestra Internazionale d’Italia. Ha tenuto concerti come clavicembalista con organici quali Accademia Bizantina, Ensemble Dolce Concento, Ensemble Harmonicus Concentus, i Musici Malatestiani, ensemble Italico Splendore, le prime parti del Teatro “La Scala” di Milano ed altri. Con l’Ensemble Sezione Aurea, con il quale collabora dalla sua fondazione, ha tenuto numerosi concerti in Italia (Roma Europa Festival presso il Teatro Argentina, Bologna Musica Insieme, Sagra Musicale Malatestiana, Accademia di Musica Antica Milano, Settimane barocche di Brescia etc.) e all’estero (Concentus Moraviae Repubblica Ceca, Birgu Fest Malta etc.) Ha preso parte a varie registrazioni discografiche. In particolare ha registrato, spesso in prima assoluta, composizioni di autori romagnoli dei secoli XVIII e XVII. Per Passacaille (Belgio) ha inciso le sonate op.2 per clavicembalo con accompagnamento di violino di Ignazio Cirri, insieme al violinista Luca Giardini, recensito con 5 stelle da Rivista Musica e Amadeus. Per Brilliant (Olanda),ha inciso arie di Filiberto Laurenzi dall’opera “La finta savia”. In veste di clavicembalista e concertatore, nel 2020 ha inciso per Arcana, con il controtenore Carlo Vistoli e l’ensemble Sezione Aurea, il cd Amor Tiranno, vincitore del Diamant d’Opera indetto dalla rivista francese Opera Magazine. Nel 2021, sempre per Arcana e con lo stesso ensemble, è prevista l’uscita di un cd sulla figura del soprano Anna Renzi, con Roberta Invernizzi. Laureato in Scienze del Comportamento presso la facoltà di Psicologia dell’Università di Bologna, dal 2011 è accompagnatore al Clavicembalo presso il Conservatorio “B. Maderna” di Cesena, dal 2020 è docente di Clavicembalo e basso continuo presso il Conservatorio “B. Maderna” di Cesena.

Roberta Pari
Organo e composizione organistica

pari.roberta@gmail.com

Roberta Pari, riminese, si è diplomata a pieni voti in organo e composizione organistica e in clavicembalo presso i Conservatori di Musica ‘Arrigo Boito’ di Parma e ‘Gioachino Rossini’ di Pesaro. Allieva dell’Accademia di Musica Italiana per Organo di Pistoia si è perfezionata con maestri di fama internazionale come L. F. Tagliavini, G. Leonhardt, M. Radulescu, J. Langlaise, M. Chapuis, M. Torrent e T. Koopman. Tiene concerti sia come solista che in formazioni cameristiche ed ha preso parte a prestigiose manifestazioni e rassegne legate al restauro e alla valorizzazione di numerosi strumenti storici. Interessata allo studio, al recupero e alla rivalutazione del patrimonio storico organario italiano, ha collaborato alla catalogazione degli organi antichi promossa dalla Regione Marche. E’ docente di organo e composizione organistica presso il Conservatorio Statale di Musica ‘Bruno Maderna’ di Cesena.
Michele Pasotti
Liuto - Tiorba

michelepasotti@gmail.com

Michele Pasotti è nato a Pavia nel 1977. Si è diplomato con il massimo dei voti in Liuto sotto la guida di Massimo Lonardi all’Istituto Pareggiato “F. Vittadini” della sua città. Si è specializzato seguendo seminari di Hopkinson Smith e Paul O’Dette. Presso l’Accademia Internazionale della Musicadi Milano si è poi perfezionato con Laura Alvini e Diego Fratelli. Ha approfondito lo studio della prassi esecutiva tardo-medievale sotto la guida di Kees Boeke con un corso quadriennale presso la medesima scuola e di Pedro Memelsdorff alla Escola Superior de Musica de Catalunya di Barcellona. Presso l’Università di Roma “Tor Vergata” ha frequentato il corso di perfezionamento L’Ars Nova in Europa, diplomandosi con lode. Contemporaneamente agli studi musicali ha frequentato la facoltà di Filosofia all’Università di Pavia, dove si è laureato con lode. E’ stato redattore della rivista di filosofia Oltrecorrente diretta da Fulvio Papi. Dal 2013/14 è titolare della cattedra di Liuto presso il Conservatorio “Maderna” di Cesena e inoltre svolge un’intensa attività seminariale in istituti di perfezionamento, conservatori, scuole e festival. A questi affianca conferenze di approfondimento musicologico o di divulgazione e introduzione a liuto, tiorba, chitarra barocca e alla musica antica. Dal 2013 tiene un corso presso la Civica Scuola di Musica di Milano su L’ars Nova a Milano. Dal 2012 è professore di Tiorba e Liuto presso i corsi estivi di Rovigo Musica Antica e nel 2012 di liuto e musica d’insieme presso il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”. Nel 2011 ha tenuto il seminario articolato in 4 giornate “Trecento. Un’introduzione all’Ars Nova italiana. Polifonia profana nell’Italia tardo medievale” (festival di musica antica Gaudete!). E’ direttore e fondatore de “lafonte musica”, ensemble specializzato nella musica tardo-medievale, ed è sempre più spesso invitato a dirigire cori polifonici o ensemble vocali. Nell’ambito di concerti tenuti in molti Paesi europei, Cina, Corea, Turchia e in Italia è stato diretto da C. Abbado, G. Antonini, D. Fasolis, Th. Hengelbrock, A. Marcon, M. Huggett, N. Stutzmann, B. Kujiken, C. Rovaris, A. Molino, C. Boccadoro. Si esibisce regolarmente con gli ensemble I Barocchisti, Il Giardino Armonico, Orfeo 55,L’Arte dell’Arco, Ghislieri Consort, Il Canto di Orfeo, Capella Cracoviensis, Odhecaton, La Magnifica Comunità, Il Rossignolo, gruppi con i quali ha ottenuto i più importanti riconoscimenti della critica internazionale (Diapason d’or de l’année,Grand Prix du disque de l’Académie Charles-Cros, Diapason d’or, Choc du Monde de la Musique, Editor’s Choice di Gramophone, Disco del Mese di Amadeus). Ha collaborato tra gli altri con Orchestra Mozart, I Solisti della Scala, Balthasar Neumann Ensemble,Kammerorchester Basel, Venice Baroque Orchestra, Spira Mirabilis, Helsinki Baroque Orchestra, La Divina Armonia, Orchestra del Teatro “La Fenice” di Venezia, Micrologus, Cantica Symphonia, Il Falcone. Nel 2012/13 si è esibito anche come Solista (Tiorba) nelle più importanti sale d’Europa insieme a Cecilia Bartoli e a i Barocchisti per il tour Mission. Nell’autunno 2008 è stato chiamato da Mario Brunello a suonare nel suo ensemble Brunello Baroque Experience, con cui ha affrontato una lunga tournée. Come solista (liuti, tiorba, chitarra barocca) ha un repertorio che va dal Medioevo al tardo Settecento e ha registrato un lavoro dedicato al grande chitarrista seicentesco Francesco Corbetta (Dynamic). Ha effettuato numerose registrazioni discografiche, radiofoniche e televisive (per Deutsche Grammophon, Decca, EMI/Virgin Classics, Naïve, Sony/Deutsche Harmonia Mundi, SWR, Glossa, ORF, Ricercar, Passacaille, Avie, Rai Radio 3, Rete 2 della Rsi, France 2, France Musique, Mezzo, Dynamic, Tactus, La Bottega Discantica, The Classic Voice, Amadeus) tra cui si ricorda il disco dedicato a Pergolesi con l’Orchestra Mozart diretta da Claudio Abbado pubblicato da Deutsche Grammophon.

Monica Piccinini
Canto rinascimentale e barocco

m.piccinini@conservatoriomaderna.it

Gianfranco Placci
Esercitazioni corali

g.placci@conservatoriomaderna.it

Nato a Faenza (Ravenna) il 7 marzo 1961, ha studiato presso il Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna ed è diplomato in: Pianoforte sotto la guida di M. Donadoni Omodeo; Musica Corale e Direzione di Coro sotto la guida del M° C. Fantini; Direzione d’Orchestra sotto la guida del M° Maurizio Benini. Ha inoltre studiato composizione presso il Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna sotto la guida del M° C. Fantini e del M° F. Carluccio vincendo nel 1988 il Premio di Composizione “G. Noferini”. Si è specializzato nel canto lirico con la celebre cantante Pia Tassinari e nel repertorio lirico col Ino Savinie il M° Leone Magiera. In questo ambito, sia come pianista accompagnatore e sia come direttore d’orchestra, ha accompagnato molti cantanti tra i quali Pietro Ballo, Anna Maria Chiuri, Ildebrando D’Arcangelo, Alberto Gazzale, Bonaldo Giaiotti, Nicola Martinucci, Leo Nucci, Katia Ricciarelli, Alessandro Safina, Fabio Sartori, Chiara Taigi, Wilma Vernocchi. Svolge attività concertistica come pianista accompagnatore, direttore di coro e d’orchestra ed ha partecipato a registrazioni televisive per le reti Rai e Mediaset. Compositore ed arrangiatore, ha scritto brani musicali per coro, per pianoforte, per canto e pianoforte, per ensemble vocali e strumentali e per orchestra. Ha arrangiato e diretto brani musicali per orchestra per Lucio Dalla, Gino Paoli, Amii Stewart, Serena Autieri ed inoltre, sempre come arrangiatore ed esecutore, ha realizzato le musiche di due CD per pianoforte per Alfonso Rega. Ha collaborato attivamente, per la realizzazione di importanti spettacoli musicali, con personaggi dello spettacolo e della televisione come Pippo Baudo, Fabrizio Frizzi, Paola Saluzzi, Mario Lavezzi. È stato Direttore del Coro e Direttore Artistico dell’Associazione Culturale “Lauda Sion” di Faenza dalla sua fondazione nel 1990 fino al 2011. Per tale Associazione, ha riscoperto e diretto nel 1998 (prima esecuzione mondiale)e nel 1999,la partitura del “Miserere in fa minore” per soli, coro e orchestra di Giuseppe Sarti. Il live del concerto è stato inciso in CD dalla Casa Discografica Dynamic. È stato il promotore e coordinatore del Convegno Nazionale degli insegnanti di Esercitazioni Corali nei Conservatori di Stato tenutosi a Ferrara nel 2012 e 2013.Ha portato la cultura musicale all’interno della Casa Circondariale di Ferrara ideando e coordinando il progetto “il mio canto libero” per il Conservatorio di Ferrara elaborando ed eseguendo tra l’altro al Teatro Comunale “C. Abbado” di Ferrara nel 2016, le musiche del Combattimento di Tancredi e Clorinda di Monteverdi cantate dai detenuti in “Me che libero nacqui al carcer danno” tratto dalla “Gerusalemme Liberata” di Torquato Tasso. Ha lavorato nell’ambito della coralità infantile, gestendo e conducendo vari progetti e in tale ambito ha composto e diretto la Fiaba musicale “Le avventure di Ciecio” per canto, coro ed orchestra eseguita al Teatro Comunale “C. Abbado” di Ferrara. Vincitore di cattedra per l’insegnamento nei Conservatori di Stato sia per “Pianista accompagnatore” e sia per “Esercitazioni Corali”, dopo aver prestato la propria attività professionale per oltre vent’anni presso il Conservatorio di Ferrara, insegna attualmente presso il Conservatorio “B. Maderna” di Cesena: Formazione Corale, Musica d’insieme vocale e repertorio corale, Direzione corale e concertazione corale, Musica da camera per cantanti e dirige il coro delle Voci bianche del Conservatorio.

Eleonora Poletti
Violino

eleonorapoletti62@gmail.com

Diplomatasi al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze sotto la guida del M° Sandro Materassi nel 1984, segue i Corsi di Qualificazione Professionale per Orchestra e Musica da Camera alla Scuola di Musica di Fiesole negli anni 1983-84-85, partecipando alle tournee dell’Orchestra Giovanile Italiana nel ruolo di spalla dei secondi violini. Successivamente vince concorsi nelle più prestigiose orchestre italiane: Orchestra Regionale Toscana, Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, Orchestra del Teatro Comunale di Firenze, Orchestra Sinfonica Della RAI di Torino, Orchestra del Teatro “La Fenice” e come prima parte dell’Orchestra “I Pomeriggi Musicali” di Milano. Dopo anni di attività nelle orchestre sopra citate, decide di dedicarsi alla musica da camera svolgendo concerti in varie formazioni, con le associazioni italiane più prestigiose: i Solisti di Milano, ”CARME”, i “Virtuosi Italiani”, l’Orchestra da Camera di Mantova, l’Orchestra del Festival di Brescia e Bergamo, i “Solisti Dauni”. Oltre al repertorio classico si dedica ad importanti collaborazioni jazzistiche con artisti quali Ornette Coleman, Max Roach, Chick Corea, Bruno Tommaso e Paolo Conte, con i quali svolge tournee italiane ed estere. E’ titolare della cattedra di violino al Conservatorio “B. Maderna” di Cesena.

Marco Postacchini
Composizione jazz

marcopostacchini@hotmail.com

Si diploma in Sassofono presso il Conservatorio “G.B. Pergolesi” di Fermo, in Strumentazione per Banda, Composizione e Jazz (percorso in composizione, arrangiamento e direzione d’orchestra Jazz) presso il Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro. Nel 2011 si perfeziona con Hal Crook, docente presso il Berklee College of Music. Svolge regolare attività concertistica con le seguenti formazioni: Marco Postacchini OctetMP’s Jazzy Bunch (di cui è leader e compositore delle musiche), Machine Head quartet, Blackbird sextet, Vertex quintet, Roberto Zechini Quintet “A deep Surface”, Out of the Blues quartet, Manzi Solarino Quintet, A Remark you madetributo ai Weather Report, la Colours Jazz Orchestra, la Riccione Jazz Orchestra, la Rolli’s ToneBig Band, Gabriele Pesaresi quintet, Havona, Filippo Gallo Quintet, Italian Jazz Orchestra, Paolo Belli big band. Ha collaborato con importanti musicisti del panorama jazz nazionale e internazionale come Massimo Manzi, Rita Marcotulli, Maurizio Giammarco, Federico Malaman, Rosario Giuliani, Flavio Boltro, Massimo Nunzi, Javier Girotto, Fabrizio Bosso, Marco Tamburini, Enrico Rava, Aldo Romano, Ada Montellanico, Fabio Zeppetella, Gabriele Mirabassi, Simone Zanchini, Francesco Cafiso, John Taylor, Kenny Wheeler, Bob Mintzer, Peter Erskine, Ayn Inserto, Bob Brookmeyer, Maria Schneider, Scott Robinson, Mike Stern, Ryan Truesdell, Martin Wind, Joe La Barbera, Toninho Horta, Ronnie Cuber, Jay Anderson, Steve Wilson, Lewis Nash, Ana Popovich, Matt Wilson, Fabio Concato, Antonella Ruggero, Rossana Casale Paolo Belli, Sergio Caputo e Raphael Gualazzi. Ha partecipato a più di cinquanta produzioni discografiche come sideman, pubblicando tre album a suo nome, tutti registrati dal Marco Postacchini Octet, prodotti dalla Not.A.Mi. Jazz e contenenti musiche originali: “Lazy Saturday” (2010) e “Do you agree?” (2013 con ospite Fabrizio Bosso), Old stuff, new box” (2018 con ospiti Ada Montellanico e Fabio Zeppetella. Ha partecipato a diverse produzioni Rai suonando nel programma televisivo “Ballando con le stelle” (alle seguenti edizioni IIIIIIVVVIIVIIIIXXXIXIIXIIIXIVXV), Telethon 200720152017201820192020 (di cui quest’ultima in qualità di arrangiatore delle musiche) e Notti sul Ghiaccio 2015 come componente della Paolo Belli Big Band. E’ docente di Armonia, Composizione, Arrangiamento, Tecnica dell’improvvisazione musicale presso il Conservatorio di Musica “B. Maderna” di Cesena e presso il Conservatorio di Musica “G.B. Pergolesi” di Fermo.

Gabriele Raspanti
Musica d'insieme archi - Musica d'insieme per voci e strumenti antichi

gabriele.raspanti@virgilio.it

Nato a Bologna, inizia gli studi musicali al Conservatorio locale, diplomandosi in seguito al conservatorio “A. Boito” di Parma” sotto la guida di Paolo Borciani, primo violino del Quartetto Italiano. Nel 1984 entra a far parte del Quartetto Fonè, vincendo il primo premio assoluto al Concorso Internazionale di Musica Città di Stresa (1985) e subito dopo la borsa di studio “Camillo de Carlo” di Vittorio Veneto. Dal 1987 è stato membro del Trio Brahms, vincitore del Concorso Internazionale di Musica da Camera “J.Brahms” di Amburgo, che ha effettuato registrazioni per la RAI radiotelevisione italiana, RTSI Radiotelevisione della Svizzera Italiana, SDR Suddeutscher Rundfunk di Stoccarda e ORF Oesterreichischer Rundfunk di Salisbusgo, oltre a numerosi concerti, ottenendo il diploma d’onore all’Accademia Chigiana sotto la guida del Trio di Trieste. Ha fatto parte di diverse compagini orchestrali anche come prima parte (ORT, Orchestra “Arturo Toscanini” di Parma, Teatro Comunale di Bologna, Orchestra Città di Ferrara, Orchestra da Camera di Ravenna, Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna, Orchestra “Maderna” di Forlì). Al suo attivo ha inoltre diverse registrazioni discografiche, fra le quali il “Concerto dell’Albatro” di G. F. Ghedini, registrato dal vivo nell’àmbito del Festival “Aspekte” al Mozarteum di Salisburgo. Fondatore, nel 2002, e maestro concertatore dell’ensemble Harmonicus Concentus, ha collaborato con grandi barocchisti, tra cui Lucy Van Dael e Stefano Montanari. Come Konzertmeister si è esibito nel 2007 a Milano per la rassegna “San Maurizio, musica e poesia” con un concerto a tema: “ Il Furore e la Follia”. Sempre in qualità direttore e maestro concertore, nel 2008 ha tenuto il concerto inaugurale dei restauri pittorici alla Basilica del Monte di Cesena, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena. Ha collaborato con l’Europa Galante, con cui, fra l’altro, ha preso parte alla produzione dell’opera di Scarlatti “Il trionfo dell’Onore” al Teatro Massimo di Palermo, vincitrice del premio Abbiati. Suona inoltre, anche in veste di prima parte, con numerosi importanti ensembles barocchi (Accademia Bizantina, Modo Antiquo, Cappella Teatina, Accademia degli Invaghiti, Cappella Musicale Arcivescovile di S.Petronio, Orchestra Barocca di Bologna, Fondazione Arcadia, Ensemble Les Nations, Accademia degli Astrusi). E’ docente di violino e quartetto al Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena

Daniele Sabatani
Strumenti a percussione

danielesabatani@alice.it

Diplomato in “Strumenti a Percussione” col massimo dei voti e la Lode presso il Conservatorio di Musica “G.Nicolini” di Piacenza sotto la guida del M° Daniele Sacchi, ha poi approfondito lo studio del pianoforte con il M° Paolo Parmiani. Ha collaborato in qualità di percussionista e timpanista con l’orchestra dell’Arena di Verona, con l’orchestra del Teatro Comunale di Bologna, con l’ orchestra di Padova e del Veneto, l’ Ensemble strumentale di Sassari e con l’orchestra fiati della città di Sassari, con gli “Amici del Conservatorio di Sassari”, con l’orchestra Rossini di Pesaro, con l’orchestra Marchigiana, con l’orchestra da camera di Ravenna, con l’orchestra Alighieri, l’orchestra Filarmonica di Roma e attualmente è timpanista dell’orchestra “B. Maderna” di Forlì. Negli anni ha collaborato con la fondazione Ravenna festival, con gli arrangiatori Stefano Nanni, Guido Facchini, Gianmarco Gualandi, Ezio Monti, Marco Versari, Stefano Fariselli, Maurizio Pica, Davide Di Iorio, con i musicisti Roberto Bartoli, Enrico Guerzoni, Iris Baruzzi, Karsten Braghittoni e con i pianisti Landi Mauro, Stefano Orioli, Elena Valentini, Olaf Laneri e Walter Orsinger. In qualità di batterista ha avuto collaborazioni con il vibrafonista Saverio Tasca, con Arthur Miles e con diverse formazioni di jazz e blues, tra cui la “Village BigBand” nella tournée estiva 1998 di Andrea Mingardi, la “Moon Cin Jazz Orchestra” diretta dal M° Stefano Nanni, la blues band di “Bobby Solo” , Lo “Standard trio” con Alessandro Gusella, Piero Marchiani e Paola Fabris. Ha partecipato alle registrazioni di molti lavori discografici, tra cui “Rospo” ed “USA e getta” per il gruppo Quintorigo, ed “Ayrton” per Paolo Montevecchi, per il compositore Roberto Bonaventura e il tenore Francesco Malapena. Ha collaborato con il compositore Luciano Sanpaoli per l’allestimento in prima assoluta presso il Teatro Bonci di Cesena dell’opera “Angelica Battaglia” , sulla vita di Cesare Pavese. Nel Marzo 2010 ha collaborato col tenore Giovanni D‘amore in alcuni concerti tenutisi in Portogallo. Ha vinto il “Concorso per Titoli ed esami” bandito dal Ministero della Pubblica Istruzione per l’insegnamento di “Strumenti percussione”, ed ha insegnato nell’A.A. 1992-93 Al Conservatorio di Monopoli, nel 1993-94 e 1994-95 al Conservatorio “Claudio Monteverdi” di Bolzano. Dal 1995 è docente di “Strumenti a percussione” al Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena, dal 1998 presso la Scuola Comunale di musica “Vassura-Baroncini” di Imola e al “Music Accademy Italy” di Bologna. Inoltre, dal 2004 è insegnante ai corsi estivi “Marco Allegri” di Castrocaro Terme (FC). Ha collaborato con la Fabbri Editori nella realizzazione del DVD allegato al testo di educazione musicale per la scuola media “Ritmo!”. E’ autore delle “Variation in Three Camps” edito da Florestano Edizioni. E’ autore del DVD ” Il Ritmo della Musica” edito da Accademia 2008.

Luca Santaniello
Batteria e percussioni jazz

luca@lucasantaniellojazz.com

Residente a New York dal 2001, Luca Santaniello e’ considerato uno dei piu’ eccellenti rappresentanti della comunita’ del jazz Italiano nella scena New Yorkese. Diplomatosi in percussioni classiche al Conservatorio “L.Perosi” di Campobasso, si e’ in seguito laureato in Jazz Performance nell’Artist Diploma Program della Juilliard School di New York, la piu’ rinomata istituzione internazionale di educazione e promozione dell’arte e ha rappresentato la stessa Juilliard in master classes e concerti in tutto il territorio del Nord America, Sud America, Inghilterra, Germania ed Italia. Discepolo dei batteristi Kenny Washington e Carl Allen, ha formato la sua personalita’ musicale trovando ispirazione nelle grandi leggende delle batteria jazz come Philly Joe Jones, Elvin Jones, Tony Williams. La sua versatilita’ musicale lo ha portato a collaborare con colossi della scena jazz internazionale ,come le collaborazioni al Lincoln Center di New York con Joe Lovano, Benny Golson, e con Ron Carteral Paul Hall Lincoln Center. Sono innumerevoli le altre collaborazioni come quelle con Roy Hargrove, Lee Konitz, Joe Locke, Billy Harper. Le sue collaborazioni discografiche lo vedono presenti, tra le tante, nella Universal Japan con la pianista Chihiro Yamanaka, per la Max Jazz USA con il sassofonista Emanuele Cisi, Music Center Italia con il pianista Roberto Tarenzi, Pursuance Records USA con il trombettista Carlos Abadie. Negli ultimi anni, Luca Santaniello si e’ dedicato anche a coltivare la sua esperienza di educatore e clinician attraverso il suo seminario Swingadelic Workshop, che ha portato nei suoi tour internazionali dagli Stati Uniti, al sud America all’Europa. L’elemento della tradizione BeBop del jazz unito con la sua profonda formazione classica ha aiutato Luca Santaniello a dare forma alla sua personalita’ musicale e ha dato vita ad una nuova voce del jazz contemporaneo internazionale.

Michele Santi
Tromba rinascimentale e barocca

m.santi@conservatoriomaderna.it

Michele Santi ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara, diplomandosi con il massimo dei voti e la Lode, sotto la guida del M.ro Prospero Grisendi. Vincitore del concorso per l’Orchestra Giovanile ItalianaOGI” e finalista per l’Orchestra dei Giovani dell’Unione Europea “EUYO”.Premiato al Concorso Internazionale “Rovere d’Oro” di La Spezia, è tra i vincitori del Concorso Nazionale Premio Claudio Abbado” XI Premio delle Arti 2015 per la sezione solisti di “Musica Antica”. Si è perfezionato nello studio della tromba naturale con il M.ro Gabriele Cassone, con il quale ha seguito i corsi presso l’Accademia Nazionale “S. Cecilia” di Roma e la Civica Scuola di Musica di Milano, nonché masterclass coni M.riJeanFrançois Madeuf, Andreas Lackner, Edward H. Tarr, Crispian Steele Perkins, Friedemann Immer, Susan Williams, Marc Bennett, John Foster. Ha conseguito le lauree specialistiche in Discipline Musicali sia di Tromba Moderna che di Tromba Rinascimentale e Barocca con il massimo dei voti e la Lode, presso il Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna,con il M.ro Igino Conforzi. Collabora con gruppi e orchestre specializzate nel repertorio barocco, classico e romantico, tra le quali, Al Ayre Espanol (Eduardo Lopez Banzo, Juanjo Mena),Concerto Italiano (Rinaldo Alessandrini), Accademia Bizantina (Ottavio Dantone), Ensemble Zefiro (Alfredo Bernardini), IBarocchisti di Lugano (Diego Fasolis), Europa Galante (Fabio Biondi), Die Kölner Akademie Chorus & Orchestra(Michael Alexander Willens),La Venexiana (Claudio Cavina), Orchestra Barocca Veneta (Andrea Marcon), Modo Antiquo (Federico Maria Sardelli), Ensemble Pian e Forte (Gabriele Cassone, Francesco Fanna, Gianluca Capuano), Ensemble Matheus (JeanChristophe Spinosi), Orchestra Barocca Catalana (Josep Vila i Casañas), Academia 1750 (ESP) e Chamber Symphony Fondation Basel(Alfredo Bernardini), Academia Montis Regalis (Alessandro De Marchi), la Verdi Barocca (Ruben Jais), Teatro Armonico (Michael Radulescu), Accademia del Santo Spirito (Franco Balestracci, Robert King), Concerto Romano (Alessandro Quarta), Orchestra del Montsalvat (Edmond Colomer), Antiqua Vox e Orchestra da Camera di Perugia (Filippo Maria Bressan),Orchestra Barocca Andrea Palladio (Enrico Zanovello), La Risonanza (Fabio Bonizzoni), Cappella Musicale di San Petronio, Orchestra “Tiepolo” del Friuli V.G., Accademia di Musica Antica di Brunico, Ensemble Magnificat, Accademia degli Invaghiti di Mantova, Orchestra Barocca Orfeo Futuro, Accademia di Sant’Uberto (TO), Orchestra Belcanto, Oficina Musicum, Venezia Antique Ensemble, Venice Baroque Orchestra, La Concordanza, Clockbeats Baroque Ensemble, Knaben Chor Bremen, Elbipolis Barockorchester Hamburg, Accademia di Musica Antica di Rovereto, Orchestra Classica Italiana, Cappella Musicale Santa Felicita e Cappella Musicale della Basilica di San Lorenzo (Firenze).Nel campo Sinfonico e cameristico ha suonato con l’Orchestra Sinfonica “A. Toscanini”, I Pomeriggi Musicali, Orchestra Verdi di Milano, Orchestra da Camera di Mantova, I Virtuosi Italiani, Cameristi di Varese e del Ticino, Mozart di Milano, Sinfonica di Lecco, Filarmonica G. Rossini di Pesaro (Donato Renzetti), Nuova Cameristica di Milano, Swarowsky,  Amadè, Costa ensemble, Orchestra del festival pianistico di Brescia e Bergamo, U.E.C.A.,con la quale ha partecipato al tour italiano di Stewart Copeland e dell’ensemble Bush, Philharmonia Chor Reutlingen (D), Orchestra dell’Arcimboldoe città di Ferrara.Ha tenuto masterclass di tromba baroccapresso l’Academias de Música Histórica de Pamplona (ESP).Al suo attivo consta numerose registrazioni discografiche, radiofoniche e televisive per Deutsche Grammophon, Deutsche Harmonia Mundi, Decca, Ambroisie Naive, Ponderosa, Stradivarius, Opus 111,Tactus,Musiepoca, Radio France, Radio Catalunya, Radio Svizzera, ORF, Rai 1, RAI Radio 3, Polskie Radio, Radio Vaticana. Svolge un’intensa attività concertistica come solista,che lo ha portato a suonare nelle più importanti città, teatri e festivals nazionali ed internazionali (USA, Giappone, Austria, Francia, Germania, Irlanda, Olanda, Spagna, Svizzera, Polonia).E’ fondatore dell’Ensemble Ottoni Romantici, quartetto d’ottoni specializzato nel repertorio ottocentesco eseguito con strumenti originali www.ottoniromantici.com. Ha recentemente pubblicato per Tactus il CD Trascrizioni d’opera per trombe storiche e organo. Collabora con la casa editrice pian&fortewww.edizionipianeforte.it. Cura la direzione artistica del masterclass internazionale di tromba barocca di Terre del Reno (FE) www.baroquetrumpetmaster.com.E’ docente di Tromba barocca presso il Conservatorio Bruno Madernadi Cesena.

Andrea Santini
Saxofono - Teoria ritmica e percezione musicale

santinisax@aruba.it

Andrea Santini ha studiato Sassofono e Clarinetto con il M° Italo Marconi di Arezzo fin dal 1975, conseguendo il Diploma di Clarinetto nel 1987 (Conservatorio “Cherubini” di Firenze). Successivamente ha proseguito gli studi di Sassofono con il M° Alberto Domizi di Tolentino (MC) conseguendo il Diploma di Sassofono con il massimo dei voti nel 1994 (Conservatorio “L. D’Annunzio” di Pescara). Dopo varie esperienze didattiche in Scuole di musica e Conservatori, nel 1997 Andrea Santini è divenuto ordinario della Cattedra di Saxofono al Conservatorio “F. Cilea” di Reggio Calabria. Dal 2004 insegna al Conservatorio “B. Maderna” di Cesena. Ha seguito numerosi Corsi di perfezionamento e Masterclasses; tra i più importanti: Victor Morosco, Jean Marie Londeix, Corso GAMO di musica del ‘900, Alberto Domizi, Federico Mondelci, Jean Michel Goury, Corsi di arrangiamento e composizione di Siena Jazz (Giancarlo Gazzani, Bruno Tommaso e Giancarlo Schiaffini), Wolfgang Fasser, Paolo Paglialunga, Gian Piero Taverna, Mario Ruffini, Stefano Zenni, Francesco Martinelli, ecc… In varie formazioni cameristiche ed orchestrali, Andrea Santini ha partecipato a vari Concorsi di musica ottenendo ottimi responsi: 1° premio al Concorso Internazionale di Stresa – Como (1988), al Concorso Internazionale di musica da camera di Valencia – Spagna (1995) e al Concorso Nazionale di Lido di Camaiore – Lucca (1994). Altri risultati lusinghieri sono stati ottenuti al Concorso Europeo di Moncalieri – Torino (1995), al Concorso nazionale di Barletta – Bari (1994), alla XV° Rassegna nazionale di Ravenna (2001), al 2° Concorso Internazionale “Riviera Etrusca” della Val Cornia (2001) e al 4° Concorso nazionale di composizione “Rosolino Toscano” di Pescara (2001). Andrea Santini ha tenuto centinaia di concerti in Italia e all’estero in varie formazioni cameristiche ed orchestrali. Tra le numerose collaborazioni artistiche e didattiche che sono state effettuate si può ricordare: Conservatorio di Pesaro, Conservatorio di Bari, Conservatorio di Trapani, RAI (Radiotelevisione italiana), TeleMontecarlo (LA7), CIPAM di Arezzo, Victor Morosco (USA), Gruppo Aperto Musica Oggi, Orchestra Filarmonica di Samassi (CA), FIDAPA, Luca Lombardi, Mario Ruffini, Fabio Bidini, Associazione musicale“G. Monaco” di Arezzo, Sax Chorus, Associazione “Adolphe Sax” di Marsala (Trapani), ecc… Nell’estate 1997 ha realizzato, con il M° Domizi, il “1° Seminario Internazionale di studio e perfezionamento per saxofono” nell’ambito del “1° Sax Festival – Città di Arezzo” assumendo anche la carica di Direttore Artistico. Dal 1998 in poi, visto il grande successo, il Seminario di studio e perfezionamento viene ripetuto annualmente nel periodo estivo, con la collaborazione del M° Wolfgang Fasser (Svizzera), musicoterapeuta esperto di postura e respirazione per strumenti a fiato e del M° Victor Morosco (USA), brillante compositore e uno dei più eclettici e famosi sassofonisti al mondo. Andrea Santini ha raccolto importanti notizie storiche e tecniche sulla storia del saxofono, confluite in una Conferenza che è stata più volte tenuta: Arezzo, luglio 97; Reggio Calabria, maggio 98; Bari, giugno 98; Marsala (Trapani) giugno 99. Per le Edizioni Musicali PRIMO TEMA di Pescara, Andrea Santini ha pubblicato brani e trascrizioni di grande interesse storico che sono stati depositati nel prestigioso “Centre Europeen du Saxophone” a Parigi ed introdotti nella “Comprehensive Guide to the Saxophone Repertoire” (Roncorp – USA) del grande J.M. Londeix. Alcuni di questi brani sono stati ottimamente recensiti nelle riviste specializzate “I Fiati” e “Suonare news”. Recentemente ha pubblicato proprie composizioni con l’etichetta “SANTINISAX MUSIC”. Attualmente collabora a diverse formazioni cameristiche ed orchestrali: tra i prossimi progetti la realizzazione di un Cd con musiche per saxofono ed organo con il duo “Diaphonia” ed un altro col “Quadriphonia Sax Quartet” quartetto di saxofoni. Nel 2006 è stato selezionato come uno dei saxofonisti chiamati a rappresentare l‘Italia al “14th WorldSaxophone Congress” che si è svolto a Lubljana (Slovenia). Ha partecipato a questo prestigiosa manifestazione in veste sia di solista che di compositore, eseguendo due sue opere per sax soprano e pianoforte, in prima esecuzione assoluta (World premiere).

Claudio Scannavini
Composizione

c.scannavini@conservatoriomaderna.it

Ha iniziato gli studi di pianoforte e composizione presso il Conservatorio Giovan Battista Martini di Bologna sotto la guida del M°Adone Zecchi, successivamente compiuti presso il Conservatorio
Giuseppe Verdi di Milano sotto la guida dei M°Franco Donatoni e Salvatore Sciarrino.

Dopo aver lavorato all’IRCAM di Parigi, ha indirizzato la sua attenzione sullo studio dei fenomeni percettivi, ove ha unito le possibilità offerte dall’informatica musicale negli anni di studio.
Allontanandosi progressivamente dalla sperimentazione sonora predominante tra gli anni ’70 e ’80, ha rivolto i suoi interessi all’iterazione e a materiali di netta derivazione modale, organizzati
secondo items percettivi predefiniti.

Le sue composizioni sono state eseguite in numerose rassegne e festival fra le quali: Nuova Ricerca Musicale (Reggio Emilia), Conoscere la Musica (Bologna), Città di Castello, Incontri di Musica
Contemporanea Guibenkian, RAI, Radio France, Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, Action Melbourne New Music, Teatro Comunale di Bologna, Teatro la Fenice, Semaine de
Musique Contemporaine Italienne di Villeneuve d’Ascq, Pomeriggi musicali di Musica Insieme, Stagione concertistica di San Marino.

È stato titolare della cattedra di composizione principale presso il Conservatorio di Castelfranco Veneto (TV). Ora è titolare della cattedra di composizione principale presso il Conservatorio di
Cesena (FC).

Giovanni Scapecchi
Lettura della partitura

g.scapecchi@conservatoriomaderna.it

Giovanni Scapecchi (Arezzo, 3 dicembre 1977) inizia gli studi di pianoforte proseguendo quelli di organo, improvvisazione e composizione organistica con Wijnand van de Pol, Luigi Ferdinando Tagliavini, Liuwe Tamminga, Jósef Serafin, Julian Gembalski, Franco Paturzo e si diploma nel 2001 presso il Conservatorio di Musica di Perugia con il massimo dei voti.

Da diversi anni il suo interesse musicale è rivolto principalmente alla composizione. Nel 2005 si diploma con il massimo dei voti in composizione presso il Conservatorio Statale di Musica “Francesco Morlacchi” di Perugia. Successivamente, nel 2007, consegue il diploma di alto perfezionamento in composizione dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma sotto la guida di Azio Corghi. Nel 2008 si laurea in Composizione e Musica applicata con votazione 110 e lode e nel 2009 consegue l’abilitazione in Didattica della Musica. Ha partecipato a seminari tenuti da Stefano Gervasoni, Giacomo Manzoni e Hubert Suppner. Ha seguito i corsi di composizione presso l’Accademia Chigiana di Siena con Azio Corghi e Mauro Bonifacio e quelli di musica per film e cinematografia con Nicola Piovani, Luis Bacalov e Franco Piersanti.

Numerosi sono i premi ed i riconoscimenti ricevuti: Premio Rotary Roma; Dyplom Miedzynarodowy Festival Organowy Mlodych (Polonia); due borse di studio dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena; 3° Premio al Concorso Internazionale di Composizione “A. Manoni” (2003 Senigallia); Premio “Primesecuzioni” al Concorso di Composizione “V Rassegna Primesecuzioni” (2003 Roma); 1° Premio al “5° Concorso Internazionale di Composizione Euritmia” (2004 Udine); 2° Premio al “5° Concorso Internazionale di Composizione Euritmia” (2004 Udine); 2° Premio al “9° Premio Musica Rotary” (2005 Roma); Segnalazione al “5° Concorso Internazionale di Composizione Euritmia” (2004 Udine); Segnalazione al “Composer Award of Wolkersdorf” (2003 Wolkersdorf, Austria); Segnalazione al “Rarescale Alto Flute Composition Competition” (2004 London, U.K.); Finalista al 3° Concorso Internazionale “C. A. Seghizzi” (2005 Gorizia); Finalista al Concorso Internazionale di Composizione “Franco Evangelisti”, VIII edizione (2005 Roma); Public Prize dell’Alkmaar International Call for Scores (2006 Alkmaar, Olanda); Finalista del Fourth International Choral Composition Competition City of Hasselt (2006 Belgio); 3° Premio per tutte le categorie del Concorso Internazionale di Composizione “Premio Valentino Bucchi 2006″ (2006 Roma); 1° Premio al “8° Concorso Internazionale di Composizione Euritmia” (2007 Udine); Segnalazione “Concorso di Composizione Inno Marina Mercantile” (2008 Genova); 2° Premio al “Concorso di Composizione Corale” (2008 Salerno); Selezione “New York City Horror Film Festival” (2008 New York); Finalista al Concorso Internazionale di Composizione “Franco Evangelisti”, XI edizione (2008 Roma).

Dal luglio 2014 è Socio Onorario della Corte Tripoli Cinematografica.

Alcune composizioni ed opere didattiche sono state pubblicate da Edizioni Carrara – Bergamo, Edizioni Animando, Edizioni Eurarte, Hyperprism Edizioni, Edizioni Sconfinarte ed Edizioni Musicali Wicky di Milano.

Suoi brani sono stati inoltre eseguiti in festival e rassegne internazionali e trasmessi da emittenti televisive nazionali, sia in Italia che all’estero: Teatro Morlacchi (1999 Perugia); XI Rassegna Scholae Cantorum (1999 Arezzo); XIX Preggio Music Festival (2001 Preggio); XXVI Festival Internazionale Città di Arezzo (2001); Accademia Musicale Chigiana (2003, 2004, 2005 Siena); Festival di Musica Contemporanea “Finestre sul Novecento” (2004 Treviso); Rarescale Premiere Series (2004 London, U. K.); XXIX Festival Internazionale Città di Arezzo (2004); Auditorium Università Cattolica (2004 Roma); Univercity 2005 (2005 Perugia); Auditorium Parco della Musica (2005 Roma); Association des concerts de Saint-François (2005 Lausanne, Svizzera); 42° Festival Nuova Consonanza (2005 Roma); Stichting Vrienden van het Orgel (2006 Alkmaar, Olanda); Radio RAI 1 (2008, 2015 Roma); Sagra Musicale Umbra (2008, Perugia); CANALE 5 (2010); ITALIA 1 (2010); XX Stagione Concertistica Conservatorio di Reggio Calabria (2010 Reggio Calabria); Festival De Cannes (2010 Cannes, Francia); Festival 5 Giornate di Milano (2011 Milano); Compositori a Confronto 2011 (2011 Reggio Emilia); SKY (2011); 68° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (2011 Venezia); Moscow P. I. Tchaikovsky Conservatory (2011 Mosca, Russia); Contemporary Music Festival Perm (2011 Perm, Russia); Università di Klapeida (2011 Lituania); Istituto Superiore di Studi Musicali “A. Peri” (2011 Reggio Emilia); Università per Stranieri (2012 Perugia); Conservatorio Morlacchi (2012 Perugia); Teatro dal Verme (2011, 2014 Milano); RAI TRE, La grande storia (2012, 2013, 2014, 2015); Industrie und Handelskammer (2012 Potsdam, Germania); Conservatorio Kauno Juozo Gruodžio (2012 Kaunas, Lituania); 68 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (2011 Venezia); Auditorium Marianum (2013 Perugia); Teatro Lope de Vega (2013, Siviglia); XXIV Stagione Concertistica Conservatorio di Reggio Calabria (2014 Reggio Calabria); Musiche in mostra XXIX edizione (2014, Genova); Rebus (2014, Milano); Montreal Stop Motion Film Festival (2014, Montreal); SITGES Festival Internacional de Cinema! (2014 Barcellona); Anfiteatro Rotondo Luoghi PII (2014, Palata – CB); Università Mediterranea (2014 Reggio Calabria); 34 FantaFestival (2014, Roma); Istituto di Cultura Italiano di Stoccarda (2015, Stoccarda); Festival delle Nazioni, 49ma Edizione Omaggio alla Francia (2016, Città di Castello).

Nel 2004 l’Accademia Chigiana di Siena gli ha conferito il Diploma d’Onore.

E’ stato selezionato nell’ambito del progetto “De Musica” di “Nuova Consonanza” come allievo effettivo al corso di composizione tenuto da Brice Pauset e Joshua Fineberg, dal Cortona Contemporary Music Festival in collaborazione con l’Università del Kansas (USA) e dalla Biennale di Venezia al masterclass di composizione del 51° Festival Internazionale di Musica Contemporanea.

Recentemente ha scritto la sigla di apertura e le musiche per la diretta quotidiana in onda su Radio Rai 1 dei Mondiali di calcio Brasile 2014 e per le rubriche “A Ritmo di Gol” e “Diario Azzurro”.

Ha realizzato le sigle di apertura ed i commenti musicali per le collane commemorative de La Grande Guerra e La seconda Guerra Mondiale, commentate da Carlo Lucarelli e presentate dallo storico Paolo Mieli. Entrambe sono prodotte da Rai Storia e Rai Eri in collaborazione con il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport.

Per Rai Storia ha inoltre composto la sigla di apertura del programma Gli Archivi del ‘900, sezione documentaristica condotta da Paolo Mieli all’interno della rubrica Correva l’anno.

Interpellato nel 2013 da José Manuel De La Fuente, direttore della Fondazione Reale di Spagna “Atarazanas” (Siviglia), per comporre un’opera lirica che celebri il 500esimo della prima circumnavigazione della Terra di Magellano (1519-2019) e la recente costituzione della Red Mundial Ciudades Magallanicas (Global Network Magellan Cities). L’opera, già presentata a Papa Francesco, è ora progetto di interesse nazionale del governo spagnolo e portoghese e vede coinvolti artisti quali Placido Domingo, Gustavo Dudamel, Carlos Alvarez, Israel Lozano, Luciano Miotto.

Dal 2008 al 2014 ha insegnato Lettura della partitura presso il Conservatorio di Musica “Francesco Cilea” di Reggio Calabria dove ha coperto anche la cattedra dei corsi di Informatica musicale II e Laboratorio di regia e diffusione del suono afferenti al Diploma Accademico di Secondo Livello; dal 2014 al 2018 ha insegnato Lettura della partitura e Orchestrazione e Strumentazione per i Corsi di I e II livello presso il Conservatorio di Musica “Antonio Buzzolla” di Adria (RO). Dal 2018 è titolare della cattedra di Lettura della partitura presso il Conservatorio di Musica “Bruno Maderna” di Cesena (FC).

Sebastiano Severi
Violoncello barocco

sebastianoseveri@gmail.com

Nato a Cesena nel 1975, ha intrapreso gli studi musicali all’età di sette anni con il Maestro Lionello Godoli, proseguendo poi in Inghilterra con Sharon McKinley. Nel 1995 gli è stato assegnato il Primo Premio al Concorso “Dino Caravita”. Nel 1997 ha conseguito il Diploma di Violoncellista alla Regia Accademia Filarmonica di Bologna, diventandone Accademico, e nel 1998 si è diplomato sotto la guida del Maestro Rocco Filippini presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano. Si è poi perfezionato con M. Brunello, R. Filippini, M. Scano, e per la musica da camera con Pier Narciso Masi, Krista Butzberger e con il Trio di Milano. Nel 2013 ha conseguito il Diploma di II livello in Violoncello Barocco con Lode e Menzione d’onore, sotto la guida di Mauro Valli. Si esibisce in numerosi complessi da camera con particolare attenzione alla musica barocca e del Novecento, con i quali ha preso parte ad importanti Festival come “Festival Angelica” di Bologna, “Festival Nuova Consonanza” di Roma, Forum Neues Musiktheater di Stoccarda, Festival MITO, Biennale Musica di Venezia, Oude Muzik di Utrecht. Dal 2007 è membro dell’Ensemble Fontana Mix di Bologna. Dal 2011 suona con ArtreTrio. Col violoncello barocco collabora principalmente con Diego Fasolis e i Barocchisti di Lugano, Carlo Ipata e gli Auser Musici di Pisa, Federico Ferri e L’Accademia degli Astrusi di Bologna, Enrico Casazza e La Magnifica Comunità, registrando per le etichette Glossa, Sony, Decca con artisti come Cecilia Bartoli, Sara Mingardo, Philippe Jaroussky. Attualmente è primo violoncello dell’Orchestra “Bruno Maderna” di Forlì e della Orchestra Filarmonica Gioachino Rossini di Pesaro. Dal 2013 al 2016 ha insegnato violoncello presso il Liceo Musicale Statale di Forlì. Attualmente insegna Violoncello all’Istituto di Cultura Musicale “Arcangelo Corelli” di Cesena, e Violoncello Barocco presso il Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena. Suona un violoncello di autore anonimo italiano della prima metà del XVIII secolo e un violoncello Custode Marcucci del 1897.

Francesco Spendolini
Clarinetto storico

francesco.spendolini@gmail.com

Francesco Spendolini ha lavorato con orchestre di strumenti d’epoca e complessi quali Les Concert des Nations, Les Musiciens du Prince, Orchestre des Champs-Elysées, I Barocchisti, la KammerorchesterBasel, La Cetra, la Venice Baroque Orchestra, la Chambre Philharmonique, Le Cercle de l’Harmonie, Budapest Festival Orchestra, Il Complesso Barocco,{oh!} Orkiestra Historyczna, l’Ensemble Arcimboldo, il Hofkapelle di Stoccarda, l’orchestra Capriccio di Basilea, La Riscoperta, i Pizzicanti, l’Orchestra dell’Accademia barocca europea di Ambronay. Ha collaborato con artisti quali Jordi Savall, Ton Koopman, Christopher Hogwood, Emmanuel Krivine, Andrea Marcon, Cecilia Bartoli, Giovanni Antonini, Gianluca Capuano, Philippe Herreweghe, Diego Fasolis, Alan Curtis, Martin Gester, Leonardo García Alarcón, Frieder Bernius, Antonio Florio. Dal 2013 al 2019 Francesco Spendolini ha avutol’onore di collaborare regolarmente con Les Musiciens du Louvre e il suo direttore Mark Minkowski, inoltre dal 2017 al 2019 ha collaborato stabilmente come primo clarinetto solocon la Warszawska Opera Kameralna, orchestra di Varsavia su strumenti storici. Dal 2018 collabora stabilmente come primo clarinetto solista con Les Musiciensdu Prince di Monte-Carlo, orchestra diretta da Gianluca Capuano, sotto la direzione artistica di Cecilia Bartoli e Le Concert des Nations, orchestra fondata e diretta dal Maestro Jordi Savall, con la quale ha recentemente registrato l’integrale delle Sinfonie di Beethoven. Oltre ai concerti su strumenti d’epoca, Francesco Spendolini ha collaborato con importanti orchestre moderne, come l’Orchestra di Padova e del Veneto, l’Orchestra del Teatro “Giuseppe Verdi” di Trieste e l’Orchestra Regionale delle Marche. Nel corso della sua formazione ha anche avuto il privilegio di studiare con artisti quali, tra gli altri, Anthony Pay, Thomas Friedly, Luca Lucchetta, Lorenzo Coppola, Agide Brunelli, Guido Arbonelli e Sauro Berti. Invitato come solista, musicista da camera e d’orchestra, in prestigiosi festival internazionali in Germania, Francia, Svizzera, Italia, Inghilterra, Giappone, Korea, Scozia, Belgio, Portogallo, Turchia e Argentina, Francesco Spendolini possiede un vivo interesse nella riscoperta di opere sconosciute ed all’analisi storicamente informata di brani anche di repertorio per clarinetto. Questa ricerca verso l’originalità lo ha portato a sperimentare con ensemble di musica da camera quali primo fra tutti l’Ensemble Delfico, una nuova autentica lettura di brani sia di epoca classica che di stile più ottocentesco. Dopo aver ottenuto il diploma in clarinetto presso il Conservatorio “Gioacchino Rossini” di Pesaro nel 2000 con il massimo dei voti, Francesco Spendolini ha continuato la sua specializzazione in clarinetto storico, prima in Italia con Luca Lucchetta presso il Conservatorio “Arrigo Pedrollo” di Vicenza (massimo dei voti e Lode), e successivamente in Svizzera sotto la guida di Pierre-André Taillard presso la “Schola Cantorum Basiliensis”, dove ha ottenuto due Masterof Artscon il massimo dei voti in Specialized Musical Performanceper la musica antica ad indirizzo barocco-classico e classico-tardoromantico, entrambi focalizzati sulla prassi esecutiva storicamente informata. Impegnato nell’educazione e nello sviluppo dei giovani musicisti, tiene Master Class in Italia ed all’estero. Dal 2014 collabora come Co-curatore insieme a Donna Agrell al Laboratorio Harmoniemusik (ensemble di strumenti a fiato storici) presso la rinomata “Schola Cantorum Basiliensis”.
© Francesco Spendolini 2021

Marco Tampieri
Tromba

marco.tampieri@teletu.it

Dopo aver terminato gli studi musicali a Lugo di Romagna (Ra), ha partecipato a numerosi Master-class tenuti da autorevoli insegnanti come Donald Green (prima tromba della Los Angeles Philarmonic Orchestra), Pierre Tibhaud (già prima tromba dell’Opera di Parigi) e Max Sommerhalder (già prima tromba della Orchestra della Radio di Berlino). Si è successivamente perfezionato presso l’ “Accademia Nazionale di Santa Cecilia” di Roma, con Mark Bennet (English Concert e London Brass) e presso la Musikhochschule di Detmold (Germania), docente Max Sommerhalder. Ha collaborato con importanti Orchestre Lirico-Sinfoniche quali: Orchestra “Haydn” di Bolzano, Fondazione “I Pomeriggi Musicali” di Milano, Orchestra “Stabile” di Bergamo, Fondazione “Toscanini” di Parma, Orchestra Sinfonica di S. Marino, Orchestra Sinfonica di S. Remo, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, Orchestra da Camera di Padova, Teatro dell’Opera di Roma, Camerata strumentale di Prato e Orchestra Maderna di Forlì. Ha collaborato con l’Unione Musicisti Romani alla registrazione di diverse colonne sonore per film con la direzione del M° Morricone. Ha suonato sotto la direzione di grandi Maestri quali: Muti, Sinopoli, Bychov,Steinberg, Maag, Berio, Aronovich, Renzetti, Gatti e Ceccato. Ha collaborato con l’Orchestra Barocca del Friuli-Venezia-Giulia “Tiepolo”. Suona una tromba naturale Laslo del 1999 costruita a Praga copia di una Johann Leonard Ehe del 1746 custodita al Museo della storia musicale di Norimberga. Ha realizzato numerosi concerti in duo con l’organo in importanti festivals internazionali. Svolge inoltre attività concertistica in diverse formazioni. Nell’ambito del progetto ERASMUS ha tenuto master-class alla Musikehochschule di Detmold (Germania), all’Accademia delle arti e della musica di Vilnius (Lituania) e alla West University di Timisoara (Romania). È’ titolare della cattedra di tromba presso il Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena.

Vincenzo Taroni
Violoncello

vtaroni@alice.it

Si è diplomato al Conservatorio “L.Cherubini” di Firenze con il M°Franco Rossi. Ha frequentato i Corsi di Qualificazione Professionale per Orchestra della Scuola di Musica di Fiesole (FI) sotto la guida dei Maestri Amedeo Baldovino, Giacinto Caramia, Roberto Michelucci, partecipando a concerti sia in orchestra sia in complessi da camera. In seguito ha partecipato al Corso di Perfezionamento del M°Rocco Filippini a Città di Castello, al Corso Internazionale di Violoncello organizzato dall’Accademia Filarmonica di Bologna, tenuto dal M°Michael Flaksman, al corso di Musica da Camera tenuto dal M°Berln Senovski a Cennina (FI) e a Baden-Baden (Germania) ha partecipato alla Masterclass Internazionale di violoncello tenuta sempre dal M°Flaksman. Negli anni 1986/87/88 ha seguito la Masterclass di violoncello che il M°Flaksman tiene presso il Conservatorium di Schaffhausen in Svizzera. Nel 1987 ha fatto parte della Classe di Violoncello della CALIFORNIA STATE UNIVERSITY – Music Department – a Fresno in California, ove ha partecipato a vari concerti sia come solista sia in gruppi da camera. Ha avuto vari contratti professionali con l’Orchestra Regionale Toscana, l’Orchestra dell’Emilia – Romagna “Arturo Toscanini”, Orchestra del Teatro Comunale di Bologna ed altri Enti. Dal 1988 al 1993 ha collaborato con il gruppo “I Solisti Veneti” con il quale ha preso parte a tournees in Spagna, Inghilterra, Australia, StatiUniti, Norvegia, Portogallo, Germania, Belgio, Svizzera, Austria, Cecoslovacchia, Yugoslavia, Germania Est, Cina, Argentina, Giappone, Canada, Messico ed ha partecipato sia in Italia sia all’Estero a concerti nelle Sale e Teatri più prestigiosi e nell’ambito dei Festival più importanti (Salisburgo, Edimburgo, Stoccarda, Stresa, Veneto Festival ecc.). Con lo stesso gruppo ha partecipato a numerose registrazioni discografiche e televisive. Dal 1993 fa parte del complesso “I Filarmonici di Bologna”. Nel 1995 ha collaborato anche con la Camerata Strumentale di Santa Cecilia prendendo parte a due tournees in Sud America (Argentina, Cile, Uruguay) e in Giappone. Dal 1996 fa parte anche del complesso “I Solisti di Bologna” diretti da Rodolfo Bonucci. Attualmente collabora stabilmente anche con il complesso “I Virtuosi Italiani” con il quale ha già preso parte a numerose tournees e registrazioni discografiche. Fa parte del Quartetto “Musica / Realtà” e svolge un’intensa attività cameristica in varie formazioni,ha suonato in quartetto con Giorgio Zagnoni, Massimo Quarta e Vladimir Mendelssohn, e con il soprano Raina Kabaivanska ha suonato per gli Amici della Musica di Firenze, al Festival di Martinafranca al concerto inaugurale della stagione cameristica dell’Accademia Nazionale di S.Cecilia ed ha registrato un CD per l’etichetta Foné. Ha suonato come solista nel “Triplo” concerto di Beethoven accompagnato dall’Orchestra Filarmonica di Bacau (Romania). Oltre al repertorio classico dal 2006 fa parte de Nu-Ork string quintett col quale svolge tournè e collaborazioni artistiche con importanti cantautori italiani quali: Lucio Dalla, Francesco De Gregori e Roberto Vecchioni. Attualmente è titolare della cattedra di violoncello al conservatorio “B.Maderna” di Cesena.

Massimiliano Tonelli
Acustica Musicale
Giovanni Valgimigli
Contrabbasso - Violone

valgijo@gmail.com

Giovanni Valgimigli si è diplomato in contrabbasso nel 1983 al Conservatorio “Rossini” di Pesaro con il massimo dei voti sotto la guida del M° Luciano Tamburini. Ha frequentato corsi di perfezionamento alla Scuola “W. Stauffer” di Cremona (1986/87), i corsi di Sermoneta (1989) e Cesena per la musica da camera (1984, 1988 e 1989). E’ stato premiato in duo alle rassegne di Cento (1988) e Genova (1990). A gennaio 1993 è risultato vincitore al concorso per posti a cattedra nei conservatori di musica. Ha collaborato con l’Orchestra della Fondazione “A. Toscanini”, l’Orchestra “Haydn” di Bolzano dal 1987, l’Orchestra Nazionale della RAI di Torino e con varie formazioni cameristiche fra le quali: il gruppo Ravennensemble, l’Ensemble Italiano di Fiati (col quale ha fatto una tournée in Sud America nel maggio 2002). Dal 1996 si dedica inoltre all’esecuzione di musica antica su modello di uno strumento del 1585 (Francesco Ventura Linarol), collaborando con diverse formazioni strumentali fra cui: Accademia Bizantina, Europa Galante, Les Talens Lyriques, Ensemble Anciuti, Ensemble Zefiro, The Drottningholm Theatre Orchestra. Ha registrato per le case discografiche Fonè, Denon Nippon Columbia, Ambroisie e Tactus e suonato in importanti istituzioni concertistiche italiane e straniere: Teatro Olimpico di Roma, Accademia Chigiana, Ravenna Festival, Mozarteum di Salisburgo, Bologna Festival, Ermitage di San Pietroburgo, Museo di belle arti di Budapest, Festival di Lucerna, Citè de la Musique di Parigi, Tokyo Opera City, Palazzo dei Congressi di Tirana, Teatro Municipale di Santiago del Cile, Teatro Coliseo di Buenos Aires, Teatro Reale di Drottningholm di Stoccolma, Chapelle Royale de Versailles. E’ docente di contrabbasso dal 1993, presso il Conservatorio “B. Maderna” di Cesena.

Michele Vannelli
Direzione di coro e composizione corale

m.vannelli@conservatoriomaderna.it

Michele Vannelli deve la sua formazione musicale a Francesco Tasini, sotto la guida del quale ha conseguito il diploma in organo e composizione organistica presso il Conservatorio di musica “G. Frescobaldi” di Ferrara; in seguito si è diplomato in clavicembalo e in composizione vocale e direzione di coro studiando con Marina Scaioli e Maria Elena Mazzella. Si è laureato cum laude in D.A.M.S. nell’università di Bologna, ove ha successivamente conseguito il dottorato di ricerca in musicologia. Dal 2006 è maestro di cappella della Basilica di San Petronio in Bologna; è inoltre organista della Cattedrale metropolitana di S. Pietro e della Basilica di S. Stefano. Nella sua attività di esecutore e di studioso ha eletto quale ambito di interesse privilegiato il patrimonio musicale del Seicento italiano, con particolare attenzione alla produzione vocale di area emiliana. In veste di direttore, maestro del coro, organista e clavicembalista ha tenuto al presente concerti in Italia, Austria, Danimarca, Finlandia, Francia, Polonia, Romania, Svizzera, Ungheria. Oltre a dirigere la Cappella di S. Petronio, ha collaborato con molti importanti ensemble, ed è oggi membro di Concerto Scirocco (Lugano).È autore di numerose composizioni vocali, fra le quali messe, salmi, Te Deum, antifone, mottetti. Ha curato centinaia di trascrizioni ed edizioni critiche di partiture (il primo volume delle Cantate con strumenti di Bononcini è edito da LIM) e ha partecipato in qualità di relatore a giornate di studio e convegni musicologici. Ha inciso per Arcana, Clavis, Dynamic, Studio SM e Tactus; sue esecuzioni dal vivo sono state trasmesse dalle radio austriaca, finlandese e francese. Insegna musica corale&direzione di coro nel Conservatorio “B. Maderna” di Cesena, teoria dell’armonia e analisi, canto gregoriano e accordatura nel Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna e alfabetizzazione musicale nel Dipartimento delle arti dell’Università

Emiliano Vernizzi
Saxofono Jazz

saxemy@gmail.com

Performer, compositore, produttore, modern music educator. Ha insegnato al Conservatorio di Parma, accademie private di musica moderna e tenuto masterclass negli UK presso il Royal Conservatoire of Scotland di Glasgow, il RNCM di Manchester e presso l’Università di Aberdeen. E’ co-leader del pluripremiato progetto transatlantico (US/IT) Pericopes; membro della band americana di Izzy Zaidman; co-fondatore del gruppo BlueMokafeat. Fabrizio Bosso; collaborazioni decennali con Gianni Cazzola; attività in veste di freelance (Bobby Durham, Franco e Stefano Cerri, Tommy Campbell, Anthony Wellington, Paul Jeffrey, Yuri Goloubev, Giovanni Amato, Antonio Zambrini, Alberto Tacchini, Roberto Rossi, Mauro Ottolini, Tony Arco, Marco Vaggi, e molti altri…); 1°tenore di big-band (JazzArtOrchestra –CivicaJazzBand feat. Eddie Daniels, David Liebman, David Murray, Evan Parker, Max Roach, Bobby Watson, Paolo Fresu, Enrico Rava…).Ha all’attivo più di 50 incisioni discografiche, dozzine di tour in Europa, USA e Cina, includendo importanti club tra i quali il Blue Note (Milano, IT), Sunset Sunside (Paris, FR), Unterfahrt (Munich, DE), A-Trane (Berlin, DE), The Blue Lamp (Aberdeen, UK), ShapeShifter (NYC), Chris’Jazz (Philadelphia, USA), The Maison (New Orleans, USA), Martyrs’ (Chicago, US), The Crack Fox (S.Louis, US), Jazz Dock (Prague, CZ) and Opus Jazz (Budapest, HU)…e partecipando ad importanti festival tra cui il JIM Festival (Cina), Gateshead International Jazz Festival (UK), Summer Jazz (San Francisco, USA), Moonrunner (Chicago, USA), Jazz on5 Festival (CZ), Graz Jazz Nacht (AU), Burg Jazz (DE), Umbria Jazz, Jamboree (IT) e molti altri. Segnalato nel 2000 al Concorso Nazionale Jazzisti di Verbania e successivamente al Top Jazz con l’acclamato progetto Pericopes: primo premio all’ Umbria Jazzcontest, primo premio al Padova Carrarese. Master in Jazz con il massimo dei voti (cum laude); seminari con John Taylor, Gideon Levensohn, Steve Coleman, Graham Collier, Barry Harris, Giorgio Gaslini, Berklee Clinics of Boston e perfezionamento a New York con Dave Liebman, Joel Fraham, Melissa Aldana e Walt Weiskopf. Durante la sua carriera non sono mancate collaborazioni con artisti di caratura internazionale (Ligabue, Negramaro, Mario Biondi,…), del mondo del teatro (Lucia Vasini, Jack Hirschman,…) e di quello televisivo dell’entertainment (Jerry Calà, Smaila, Platinette,…), affiancate da ruoli minori in veste di produttore personorizzazioni di cortometraggi (Civica Cinema, Milano), video commerciali (Pagani Zonda, Motor&Life, ArteImmagine) e programmi radiofonici (RaiTrade, Rai Radio Uno).

Stefano Vezzani
Oboe barocco

s.vezzani@conservatoriomaderna.it

Diplomato in oboe nel 1986, sotto la guida del Prof. Paolo Nardi presso l’Istituto Musicale pareggiato A. Peri” di Reggio Emilia, intraprende lo studio dell’esecuzione su strumenti originali sotto la guida di Paolo Grazzi, diplomandosi in oboi storici nel 1990 presso la “Civica Scuola di Musica” di Milano, per poi diplomarsi all’estero sotto la guida di Ku Ebbinge presso il “Koninklijk Conservatorium” di Den Haag (L’Aia, 1993), per perfezionarsi successivamente sotto la guida di Marcel Ponseele presso il “Koninklijk Conservatorium” di Gand (Belgio, 1993/94). Negli stessi anni frequenta l’Università di Bologna, laureandosi nel 1994 con lode in Lettere e Filosofia, Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo. Si specializza nella prassi esecutiva d’insieme su strumenti medievali e rinascimentali, frequentando i corsidell’Ensemble “Sequentia” di Colonia (1991-1993) ed il corso di “Ensemble Anches Renaissance” tenuto da Lorenzo Alpert presso il “Conservatoire Populaire de Musique ”di Ginevra, Svizzera (1991).Attivo nelle produzioni teatrali dell’Università di Bologna (Bologna, Annecy, Parigi, 1986-88), collabora con il “Piccolo Teatro” di Milano (1990-92), in primis con il regista Giorgio Strehler (“Faust-Frammenti: Parte seconda”), con il regista Gilberto Tofano (“La commedia degli Ebrei alla corte di Mantova”) e con l’attore Franco Graziosi (per il recital “Amor ch’a nulla amato”). Pluriennale attività concertistica, in varie formazioni solistiche, cameristiche ed orchestrali, in Austria, Belgio, Corea, Croazia, Danimarca, Ecuador, Francia, Germania, Giappone, Inghilterra, Italia, Lussemburgo, Malta, Messico, Montenegro, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ucraina, Ungheria, Uruguay.Ha lavorato sotto al guida di direttori come Giovanni Acciai, Howard Arman, Chiara Banchini, Fabio Biondi, Filippo Maria Bressan, Frans Bruggen, Alan Curtis, Lucy van Dael, André Ducret, Diego Fasolis, Antonio Florio, Gabriel Garrido, Roy Goodman, Martin Haselbock, Christopher Hogwood, Ton Koopman, Sigisvald Kuijken, Jean-Claude Malgoire, Florian Mertz, Marc Minkowski, Michel Piguet, Jordi Savall. Ha partecipato come solista alla “Missa de Beatificatione in onore di padre Pio da Pietrelcina” di Sergio Rendine, in diretta Mondovisione su RaiSat2, Sala Paolo VI (Aula Nervi), Roma, 1999 (con Josè Carreras). Produzioni in audio e video per Rai Radio Due, Rai Radio Tre, Rai Due, Rai Tre, Radio Televisione Svizzera Italiana (RTSI), Télévision Suisse Romande (TSR), Polskie Radio 70 Warsaw, 3° Programu Radia(Slovenia), Vara Radio Amsterdam, Radio VPRO (Olanda), NPS (Olanda), Radio4 (Olanda), ArteFrance, Radio France 2, Radio France 3, West Deutscher Rundfunk (WDR), Mittel Deutscher Rundfunk(MDR), Danish Radio P 2 Copenhagen, ORF 1 Austria, BBC 3 London.Ha registrato per le case discografiche Bongiovanni (Bologna), Robi Droli (CGD-Warner Music Italia),Dynamic (Genova), Stradivarius (Milano), Fonit Cetra (Milano), Universal Music (Italia), Cesky Records(Repubblica Ceca), Arts Music e CPO (Germania), Chandos e EMI Records/Virgin Veritas/ Virgin Classic (Inghilterra), Victorie Music (Francia), K 617 (Francia), Opus 111/Naïve (Francia), Erato Disques (Francia), Glossa (Spagna), SONY Classical (Giappone/USA) e Deutsche Grammophone (Germania). Ha partecipato al progetto-crossover per la rilettura del repertorio rinascimentale “Futuro Antico”, ideato dal cantautore Angelo Branduardi, registrando nel quarto (“Venezia e il Carnevale”, 2007), quinto (“Musica della Serenissima”, 2009), sesto (“Roma e la festa di S. Giovanni”, 2009), settimo (“Il Carnevale romano”,2010) e ottavo volume (“Musica alla corte dei Principi Vescovi”, 2014) per EMI Music Italia. Ha tenuto Masterclasses sul repertorio rinascimentale e barocco per fiati (Conservatorio “G. Verdi”, Torino),sulla Storia dell’Oboe (Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro), e sulla Pratica degli Oboi storici(Conservatorio di Lugano, Svizzera). Già docente in istituzioni musicali nazionali statali e non statali, quali il Conservatorio di Trapani (Oboe), il Conservatorio di Ferrara (“Oboi storici”, “Corsi sperimentali rinascimentali”), il Conservatorio di Messina(“Insieme Fiati”), l’Istituto Musicale Pareggiato di Catania (“Insieme Fiati”), per l’a.a.2019-2020 è titolare della cattedra di “Insieme Fiati” presso il Conservatorio “G. Tartini” di Trieste, nonché docente a contratto della cattedra di “Oboe Barocco e Classico” presso il Conservatorio “A. Scarlatti“ (Palermo), “A. Boito(Parma), “A. Pedrollo” (Vicenza) e “B. Maderna”(Cesena).

Piero Vincenti
Clarinetto

piero@pierovincenti.com

“…tra i più grandi clarinettisti italiani, concertista generoso, di spiccato talento..” così viene definito dalla stampa Piero Vincenti. Formatosi alla scuola di Ciro Scarponi, si è dedicato anche allo studio del pianoforte e della composizione. Ha suonato come solista e in formazione cameristiche nelle sale e nei teatri d’Europa più importanti tra cui ricordiamo: Accademia Filarmonica di Bologna, Gasteig di Monaco di Baviera, Teatro alla Scala di Milano, Teatro La Fenice di Venezia, Teatro di Stato di Berlino; è stato ospite dei festival: Pontino, Ravello, Biennale di Venezia, Festival d’Avignone, Settimane Internazionali di Lugano, Due Mondi di Spoleto, Settembre Musica di Torino, Roma-Europa; oltre ad essersi esibito per le più importanti società concertistiche italiane tra cui citiamo Istituzione Universitaria dei Concerti di Roma, Il Coretto di Bari, Ente Concerti Palestrina di Cagliari, Società del Quartetto di Vicenza etc… Numerosi i concerti in Nord America (California, Nebraska), Sud America (Cile, Colombia, Uruguay, Venezuela), Hong Kong e Cina… Si presentato in pubblico giovanissimo con recitals di rigore artistico particolarmente impegnativo presentando numerose prime esecuzioni assolute molte delle quali a lui dedicate. Accolto ovunque con entusiastici consensi di pubblico e di critica si è distinto per la sua innata duttilità strumentale che lo porta all’utilizzo di tutta la famiglia del clarinetto dal piccolo mib al corno di bassetto fino al clarinetto basso e contrabbasso anche nell’ambito dello stesso concerto; Landa Ketoff (La Repubblica) ha detto di lui: “Piero Vincenti al clarinetto contrabbasso crea effetti stupefacenti..” – Paolo Savio (La Cronaca di Verona) “L’intera famiglia di clarinetti, affidati alle magie di Piero Vincenti”. Significative le sue collaborazioni con compositori del calibro di L.Berio, S.Bussotti, F.Donatoni, J.Francaix, G.Petrassi, S.Sciarrino, che lo hanno di diritto collocato tra i più raffinati interpreti del repertorio moderno e contemporaneo, e non solo, nel panorama concertistico internazionale. “..convincenti le intime ombreggiature del clarinetto…la voce del clarinetto, ricca di arabeschi, trilli, effetti d’eco, fioriture ed espressa in modo virtuoso..” (Frankfurter Allgemeine Zeitung). “Nel clarinettista Piero Vincenti abbiamo ammirato la morbidità delle emissioni, la sensibilità interpretativa, il dominio assoluto dello strumento, in tutta la sua estensione, con una sobrietà di gesti a volte impercettibili, come fossero carezze sfumate.” (Rivista di Lugano). Grande conoscitore del quartetto di clarinetti è stato ideatore del “Claravoce” che ha portato a tenere concerti in tutto il mondo e, per la prima volta in Italia, ad essere solista con orchestra. Ha fondato l’Italian Clarinet Choir, naturale evoluzione del Clarinett’Ensemble di Ciro Scarponi nato nel 1980 del quale ha fatto parte in qualità di piccolo mib e clarinetto solista maturando ad oggi un’esperienza oramai trentennale sul coro di clarinetti, unica nel panorama clarinettistico. Ha collaborato con noti artisti tra i quali: A.Stewart, K.Leister, L.Bates, P.Camicia, B.Canino, D.Ferschtman, M.Flaksman, G.Garbarino, W.Grimmer, W.Meyer, T.Indermuhle, A.Persichilli, G.Proietti, G.Ravazzi, L.Vignali, etc.. All’attività di solista affianca con successo, da anni, quella di direttore d’orchestra. Ha collaborato in veste di solista con numerose orchestre in Italia, Europa e SudAmerica. Ha effettuato registrazioni radio-televisive per la RAI, Radio-France, Radio-Espana, BBC, Sudwestfunk e Radio-Cecoslovacca e discografiche per la Ricordi, la Fonit-Cetra, la EdiPan e la Quadrivium. E’ membro di giuria in vari Concorsi Nazionali ed Internazionali. Tiene masterclasses in Italia, in Europa, Nord e Sud America. Suona in duo con la pianista Marsida Koni con la quale nel 2010 ha registrato in “prima mondiale” l’opera completa per clarinetto e pianoforte di Aurelio Magnani e nel 2012 un doppio CD di inediti di Ernesto Cavallini. (www.accademiaitalianaclarinetto.com) E’ docente di clarinetto presso il Conservatorio Statale “B.Maderna” di Cesena del quale è stato Direttore dal 2006 al 2008. Con l’Accademia Italiana del Clarinetto, presidente onorario Renzo Arbore, ha ottenuto la direzione artistica del ClarinetFest 2013, festival mondiale del clarinetto che porterà per la prima volta in Italia ad Assisi. Nell’agosto 2011 è stato a Los Angeles (USA) ospite del ClarinetFest 2011 e nell’agosto 2012 a Lincoln(USA) ospite del ClarinetFest 2012; facendo inoltre parte della Giuria del Concorso Internazionale per Giovani Clarinettisti promosso dalla International Clarinet Association. Nel 2013 oltre a numerosi concerti in Italia sarà in USA, Cina, Belgio, Francia, Albania, Brasile. Suona clarinetti dei Fratelli Patricola, un clarinetto in sol Ripamonti e un set Vandoren.

Carlomoreno Volpini
Teoria ritmica e percezione musicale

c.volpini@conservatoriomaderna.it

Angela Lay Williams
Inglese

a.williams@conservatoriomaderna.it

Roberto Zanata
Elettroacustica

robertozanata@gmail.com

Nato a Cagliari Italia Roberto Zanata ha studiato Filosofia, Composzione e Musica Elettronica diplomandosi con il massimo dei voti e la lode presso l’Univiersità e il Conservatorio di Cagliari. Ha partecipato nel 1996 agli Internationale Ferienkurse fur Neue Musik di Darmstadt dove ha studiato tra gli altri con K.Stockhausen e M.Spalinger. Ha partecipato nel 1999 a Szombathely (Ungheria) ai Seminari di composizione organizzati in occasione dell’Internazionale Bartok Festival dove ha studiato con M. Jarrell e M. Stroppa. Dal 2000 al 2010 si è trasferito in Croazia dove ha collaborato con l’Accademia della Musica e l’Università di Zagabria e presso l’Istituto Italiano di Cultura. Ha partecipato nel 2003 alla Biennale di Musica Contemporanea di Zagabria sia come compositore che conferenziere. Gli è stata eseguita in prima assoluta la composizione “Cifre per quartetto d’archi” per elettronica e quartetto d’archi. Ha tenuto una conferenza dal titolo “Criticism and sound: Music for programe” in occasione del Simposio Internazionale dedicato al tema “Musical constellations in the digital age”. Nel 2004 ha collaborato come compositore con un’equipe di architetti alla realizzazione del progetto “Urban development of Buzin motorway intersection” promosso dal comune di Zagabria per l’edificazione e l’animazione di una zona periferica della citta’ adiacente all’aereoporto. Il progetto è stato insignito del secondo premio. Nel 2006 ha composto le musiche per lo spettacolo teatrale “Orazi e Curiazi” per la regia di A. Iovinelli realizzato in collaborazione con la filodrammatica dell’Universita’ di Zagabria e l’Istituto Italiano di Cultura rappresentato sia in Croazia che in Ungheria. Rientrato in Italia, dal2010collabora attivamente con l’Associazione Spaziomusica e l’Associazione Spaziomusica Ricerca per l’organizzazione del Festival Spaziomusica (Cagliari). Le sue opere sono state eseguite nei più importanti Festival Internazionali di musica contemporanea di tutto il mondo e premiate in Francia, Germania, Messico e Polonia. Ha insegnato presso i Conservatori di Ferrara, Bolzano, Foggia, e attualmente insegna Elettroacustica presso il Conservatorio di Cesena.

Pia Zanca
Accompagnamento pianistico

zancapia@tin.it

Si è diplomata in Pianoforte al Conservatorio “V. Gianferrari” di Trento, in Musica corale e direzione di coro al Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro e in Composizione al Conservatorio “B. Maderna” di Cesena. Ha seguito corsi e seminari di perfezionamento pianistico sotto la guida del Trio di Trieste e dei maestri Vitale, Mezzena, Lonquich e Canino. Diversi i riconoscimenti ottenuti in concorsi nazionali ed internazionali.
In ambito vocale, ha collaborato in recital lirici con voci come Martinucci, Giacomini, Cossotto.
Vincitrice di concorso per Accompagnatore al pianoforte è docente presso il Conservatorio di musica “B. Maderna” di Cesena.

Barbara Zanchi
Psicologia musicale

b.zanchi@conservatoriomaderna.it

Psicologa, Music Psychotherapist MA, Fellow Practitioner AMI (Association for Music and Imagery), membro BAMT (British Association for Music Therapy), musicoterapeuta AIM (Ass, Italiana Professionisti Musicoterapia) ai sensi della Legge 4/2013. E’ specializzata nel Metodo Bonny dell’Immaginario Guidato e Musica (GIM)e in Audipsicofonologia Tomatis. Ha iniziato gli studi musicali presso il Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna e si è diplomata in Pianoforte presso il Conservatorio “A. Boito” di Parma. Ha compiuto gli studi di musicoterapia presso la University of Bristol (UK) conseguendo il Post-Graduate Diploma in Music Therapy la University of the West of England-UWE (Bristol, UK) conseguendo un MA in Music Therapy(Laurea Magistrale in Musicoterapia) il Danish BMGIM Training Institute di Copenhaghen sul modello G.I.M. – Immaginario Guidato eMusica conseguendo il titolo di BMGIM Fellow-FAMI (specializzazione in MusicPsychotherapy/ Guided Imagery and Music). E’ psicologa abilitata presso l’Università “La Sapienza” di Roma e iscritta all’Ordine degli Psicologi della Regione Lazio (n.8360). Ha svolto un percorso psicoanalitico di formazione personale e clinica (bambini, adolescenti e giovani adulti), negli anni 1996-2004 con la Dott.ssa Francesca Belletti (NPI, psicoanalista, Bologna) e negli anni 2004- 2010 con il Prof. Enrico Borghesi (Psichiatra, psicoanalista, Bologna). Dal 2014 svolge una formazione psicoanalitica teorico- clinica (incontri individuali e di gruppo) con la Dott.ssa Silvia Elena Leguizamòn, psicoanalista, full member con funzioni di didatta dell’International Psychoanalitical Association (IPA). Nel 2018 è tra i soci forndatori e membro dell’esecutivo dell’Associazione CIRSP- Centro Italiano Ricerca e Studi in Psicoanalisi. Dal 1999 è Presidente di MusicSpace Italy, associazione di promozione e ricerca in musicoterapia con sede nazionale a Bologna aderente al progetto internazionale “The MusicSpace Trust” fondato a Bristol, in Gran Bretagna, dal Prof. Leslie Bunt. Direttore del Corso Post Laurea di Diploma in Musicoterapia svolto dalla medesima associazione in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna e con la UWE- University of the West of England (UK), coordina i progetti applicativi di musicoterapia svolti pressoenti pubblici e collabora con il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna, Prof. Ricci Bitti, per progetti di ricerca e formazione; è correlatore di tesi in ambito psicologico e musicoterapico. Dal 2012 al 2017 è stata Associate Lecturer in Music Therapy presso la University of the West of England, Faculty of Health and Life Sciences, Bristol (UK).Dal 2003 al 2007 ha ottenuto l’Accademic Status di Honorary Member of Staff della Bristol University (UK) con ruolo di docente al corso Post-Graduaet Diploma in Music Therapy. Dal 2013 è membro del comitato scientifico e docente del Corso di Specializzazione in Musicoterapia in Oncologia e Cure Palliative promosso dalla Fondazione Edo Tempia di Biella.1. Dal 2010 al 2015 è stata docente di “Psicologia generale e dell’età evolutiva” presso i Conservatori di Venezia, Rovigo e Adria nei Corsi Accademici di II livello abilitante formazione docenti e di Musicoterapia nel Biennio di Specializzazione in Musicoterapia del Conservatorio “ A. Casella” de L’Aquila. Dal 2014 è professore di “Psicologia della musica” presso il Conservatorio “B. Maderna” di Cesena nei Corsi Accademici di I e II livello. Ha svolto per numerosi anni attività clinica in ambito neuro-psichiatrico e riabilitativo presso le AUSL di Bologna e Fidenza. Attualmente svolge attività clinica terapeutico/riabilitativa come psicologa e musicoterapeuta con bambini e adulti presso il Centro clinico dell’ Associazione MusicSpace Italy di Bologna . Svolge inoltre attività clinica di musicoterapia con bambini e loro familiari in diversi reparti ospedalieri pediatrici ( Oncologia ed Ematologia Pediatrica e Chirurgia Pediatrica del Policlinico S. Orsola- Malpighi di Bologna, Ortopedia e Traumatologia Pediatrica dellIstituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, UOC di Pediatria dell’Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna).Coordina progetti di ricerca sulla musicoterapia presso i reparti di Oncologia e Ematologia Pediatrica del Policlinico di Bari e del Policlinico S. Orsola di Bologna. Gli studi hanno valutato l’impatto della musicoterapia nella gestione dell’ansia associata all’ ospedalizzazione e alle procedure dolorose e nel sostegno del coping positivo in oncologia pediatrica. Ha condotto un ricerca in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna e l’Associazione Gli Onconauti di Bologna sugli effetti della musicoterapia recettiva nella riabilitazione oncologica. Dal 2015 al 2017 è stata coordinatore in Italia del Progetto Europeo Erasmus+ LINK-Learning in aNew Key. Engaging Vulnerable Young People in School Education, che ha sviluppato un quadro di riferimento per l’acquisizione da parte degli insegnanti di competenze innovative derivate dagli approcci espressivi artistico- musicali a sostegno dell’inclusione di giovani vulnerabili a rischio in quattro paesi europei( UK, Polonia, Portogallo e Italia). E‘ stata socio fondatore e Vice-Presidente dell’ A.I.M.- Associazione Italiana Professionisti della Musicoterapia di cui è socio formatore e supervisore. E’ membro della British Association for Music Therapy (UK) e dell’AMI-Association for Music and Imagery (USA) e della EAMI – European Association for Music and Imagery della quale ha fatto parte del Board dal 2014 al 2016. E’ stata Membro del Comitato Scientifico della XIII European GIM Conference svoltasi a Dublino(Irlanda), in settembre 2018. Ha partecipato come relatrice a numerosi convegni nazionali e internazionali ed è autrice di diverse pubblicazioni scientifiche in ambito musicoterapic.

 

X