Gabriele Raspanti

gabriele.raspanti@virgilio.it

Nato a Bologna, inizia gli studi musicali al Conservatorio locale, diplomandosi in seguito al conservatorio “A. Boito” di Parma” sotto la guida di Paolo Borciani, primo violino del Quartetto Italiano. Nel 1984 entra a far parte del Quartetto Fonè, vincendo il primo premio assoluto al Concorso Internazionale di Musica Città di Stresa (1985) e subito dopo la borsa di studio “Camillo de Carlo” di Vittorio Veneto. Dal 1987 è stato membro del Trio Brahms, vincitore del Concorso Internazionale di Musica da Camera “J.Brahms” di Amburgo, che ha effettuato registrazioni per la RAI radiotelevisione italiana, RTSI Radiotelevisione della Svizzera Italiana, SDR Suddeutscher Rundfunk di Stoccarda e ORF Oesterreichischer Rundfunk di Salisbusgo, oltre a numerosi concerti, ottenendo il diploma d’onore all’Accademia Chigiana sotto la guida del Trio di Trieste. Ha fatto parte di diverse compagini orchestrali anche come prima parte (ORT, Orchestra “Arturo Toscanini” di Parma, Teatro Comunale di Bologna, Orchestra Città di Ferrara, Orchestra da Camera di Ravenna, Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna, Orchestra “Maderna” di Forlì). Al suo attivo ha inoltre diverse registrazioni discografiche, fra le quali il “Concerto dell’Albatro” di G. F. Ghedini, registrato dal vivo nell’àmbito del Festival “Aspekte” al Mozarteum di Salisburgo. Fondatore, nel 2002, e maestro concertatore dell’ensemble Harmonicus Concentus, ha collaborato con grandi barocchisti, tra cui Lucy Van Dael e Stefano Montanari. Come Konzertmeister si è esibito nel 2007 a Milano per la rassegna “San Maurizio, musica e poesia” con un concerto a tema: “ Il Furore e la Follia”. Sempre in qualità direttore e maestro concertore, nel 2008 ha tenuto il concerto inaugurale dei restauri pittorici alla Basilica del Monte di Cesena, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena. Ha collaborato con l’Europa Galante, con cui, fra l’altro, ha preso parte alla produzione dell’opera di Scarlatti “Il trionfo dell’Onore” al Teatro Massimo di Palermo, vincitrice del premio Abbiati. Suona inoltre, anche in veste di prima parte, con numerosi importanti ensembles barocchi (Accademia Bizantina, Modo Antiquo, Cappella Teatina, Accademia degli Invaghiti, Cappella Musicale Arcivescovile di S.Petronio, Orchestra Barocca di Bologna, Fondazione Arcadia, Ensemble Les Nations, Accademia degli Astrusi). E’ docente di violino e quartetto al Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena

X